Partite Primo Piano

Grandi salva ancora il Catanzaro: a Monopoli un pari che vale oro

banner

Agnello_De Angelis_CasertanaEra stata presentata come una partita difficilissima su un terreno ostico e così è stato. Man of the match, come accaduto due settimane fa a Pagani, il portiere Grandi, autore dei provvidenziali interventi che hanno concesso al Catanzaro di tornare imbattuto dalla Puglia, ottenendo il sesto risultato utile consecutivo. Il fattore preoccupante però, una difesa che questa sera ha scricchiolato parecchio, chiamando l’estremo difensore agli straordinari, ed un attacco praticamente nullo, in particolare nella ripresa. Pareggio che vale oro per i gallorossi, mentre il Monopoli recrimina per le occasioni gettate alle ortiche, bloccato, ribadiamo, da uno strepitoso Grandi, valore aggiunto di questa squadra.

Al “Veneziani” Mister Erra conferma la formazione anticipata, con Caruso con Mancuso a sostegno di Razzitti. A centrocampo, Foresta sostituisce lo squalificato Maita, con conseguente dislocamento al centro di capitan Giampà. Tangorra risponde con il 3-5-2 cangiante in 4-4-2, con Croce e Gambino ad offendere. Dal Capoluogo, una trentina di impavidi supporters.

Il primo tempo vede l’intraprendenza dei locali. Al 9′ Grandi intercetta un cross senza troppe pretese di Luciani. Primo vero squillo del Gabbiano al 15′ con Djuric da posizione defilata, che scaglia un destro bloccato in due tempi dall’estremo difensore ospite. Al 19′ però sono i giallorossi a rendersi pericolosi, ma Pisseri salva in sequenza su Bernardi e Mancuso. E’ il preludio al vantaggio delle Aquile che passano al 20′ con Agnello, lesto ad insaccare un traversone dalla sinistra, con decisivo “assist” di Esposito, che mette fuori causa la sua difesa. In questa circostanza emerge la squadra “determinata e cinica che deve pressare alta” di cui parlava Erra. Ancora una volta, arriva la dimostrazione di come questo modulo agevoli l’inserimento dei centrocampisti, nella fattispecie dell’ex Melfi, alla sua seconda realizzazione stagionale (dopo quella di Pagani). La risposta dei pugliesi è sui piedi di Romano al 24′, ma la sua conclusione da lontano è facile preda del portiere. Pochi secondi più tardi però, la frittata degli ospiti: Luciani mette in mezzo un campanile dalla destra sul quale insacca puntuale Gambino, lasciato libero di incornare grazie alla determinante dormita difensiva del Catanzaro. Per l’attaccante è la sesta marcatura in campionato. Passano pochi istanti ed il Monopoli per poco non raddoppia ancora con Gambino, su un contropiede scaturito da un corner andato a vuoto dell’US. Al 30′ altro brivido per un tiro-cross di Romano dalla destra, che sfiora il montante. Il gioco ristagna a centrocampo, ma gli uomini di Tangorra propongono qualche spunto in più; il Catanzaro si affida a pressing e ripartenze. Senza concedere recupero, Boggi di Salerno manda tutti negli spogliatoi sull’1-1.

 

In apertura di ripresa Tarantino prende un giallo per fallo su Razzitti, che fa a sportellate da solo, essendo poco supportato dagli evanescenti Mancuso e Caruso. Al 52′ occasione per il Monopoli: Croce riceve palla e, contrastato da Moi, non riesce a bucare Grandi. Vista la staticità offensiva, al 56′ Erra inserisce Agodirin per l’inesistente Caruso. Successivamente, anche Croce, Pinto e Ferrara finiscono nell’elenco degli ammoniti. Al 60′ il Monopoli sciupa incredibilmente la palla del raddoppio: è un intervento miracoloso di Grandi a salvare con i piedi a tu per tu su Croce, dimenticato nuovamente da una disattenta difesa. Nel seguente angolo, la deviazione aerea di Esposito si spegne di un soffio alta. Il Gabbiano insiste, il Catanzaro in avanti è non pervenuto. Al 68′ Rosafio (poi sostituito dal giovane Difino) si libera della marcatura di Squillace ma è velleitaria la sua conclusione. I biancoverdi si rendono pericolosi anche su calcio piazzato: al 74′, infatti, Grandi smanaccia una punizione velenosa di Luciani. E’ un assedio dei padroni di casa, che continuano a collezionare palle-gol: prima Bernardi deve chiudere su Gambino (rischiando l’autorete); poi, su corner, ancora Gambino si vede negata la gioia del gol da un magistrale Grandi, vero protagonista di giornata. In tutto ciò l’US non fa nulla per impensierire Pisseri. Il trainer giallorosso si rende conto della difficoltà del momento, così corre ai ripari inserendo Orchi al posto di Mancuso, passando al 4-4-2 avanzando Bernardi sulla linea di centrocampo, mentre Tangorra cambia Romano con Guglielmi. Croce sembra avere un conto aperto con il Catanzaro: all’81’ il numero 1 giallorosso si oppone come può ad una legnata da fuori della punta di casa.

Il Monopoli ci prova con tutte le forze, ma il risultato non cambia: dopo cinque minuti di recupero termina 1-1. I giallorossi salgono a 19 punti,  il Monopoli a 18… mordendosi le mani.

 

Cosimo Simonetta

Related posts

Mercato US, in arrivo Maiorano: contratto annuale

admin

Emozioni infinite al Ceravolo: Trapani battuto per 6-3 e terzo posto

admin

Playoff Prima Divisione: sarà Lecce-Frosinone la finale

admin