Il Punto Notizie Primo Piano

“Dirty Soccer” fa tremare l’US: chiesti -3 punti. Mercoledì Giampà e Cosentino in Procura

banner
L'ex DS Armando Ortoli
L’ex DS Armando Ortoli

La sconfitta di Melfi è il male minore, adesso.

La settimana si apre con altro tenore di questioni: niente pallone, niente partite, niente manto erboso, niente tattica. C’è un’aula di tribunale a fare da scenario ed un faldone etichettato “US Catanzaro” sul tavolo del Sostituto Procuratore, Gioacchino Tornatore il quale, nell’ambito dell’inchiesta sul Calcioscommesse denominata “Dirty Soccer”, visto il presunto coinvolgimento del Catanzaro Calcio, ha chiesto 3 punti di penalizzazione per i giallorossi; sei mesi di inibizione e cinquantamila euro di ammenda per il Presidente Giuseppe Cosentino; tre anni di squalifica (il che significa “carriera al termine”) e cinquantamila euro di multa per Domenico Giampà. A pendere sulla testa delle persone interessate, ossia l’ex DS Armando Ortoli, il capitano Giampà ed il Presidente, quel tentativo di combine (non denunciato dal patron) in Barletta – Catanzaro dell’aprile 2015.

Presidente Giuseppe CosentinoHa avuto dunque avvio quest’oggi a Roma il processo sul secondo filone dell’inchiesta che lo scorso maggio ha scosso il pianeta calcio, proprio dalla Procura di Catanzaro. Durante la procedura odierna, la Difesa di Ortoli aveva avanzato alla Procura la richiesta di chiamare a deporre come testimone l’ex allenatore Stefano Sanderra (sulla panchina delle Aquile, all’epoca dei fatti contestati), ma questa non vi trovava approvazione.

Mercoledì, toccherà al Presidente Cosentino e a Giampà essere ascoltati.

Giorni d’attesa e apprensione. Speriamo di non essere danneggiati in maniera drastica ed irrecuperabile.

Cosimo Simonetta

Related posts

I Vincitori della Settimana – CONCORSO N. 11 del 09.03.2014

admin

Mercato, arriva il difensore Rosania dall’Ascoli

admin

La priorità di Erra: “Motivazioni, non moduli”. Le parole del neo tecnico

admin