Calcio Mercato Comunicati Ufficiali Interviste Primo Piano

Patti si racconta: “Il destino mi ha sorriso regalandomi Catanzaro…”

banner
Patti con l'Ischia
Patti con l’Ischia

Domenica scorsa il suo esordio in giallorosso, bagnato con un importantissimo pareggio, in casa della capolista Casertana; insomma, Matteo Patti ricorderà quella gara.

Trentun’anni, nato a Catania, l’ex Ischia pare avere il profilo del difensore duttile, potendo ricoprire la porzione sinistra della difesa o il centro, senza disdegnare la sortita offensiva, magari in occasione dei calci piazzati (così come accaduto nell’azione convulsa che ha generato l’insperato gol di Razzitti, al “Pinto“). Patti, che ha avuto modo di lavorare in città “calde e passionali” come Avellino, Acireale, Brindisi o la stessa Caserta e per questo non dovrebbe risentire dell’impatto ambientale di Catanzaro, potrebbe rivelarsi un elemento utile per Erra.

Riportiamo le dichiarazioni rilasciate dal giocatore, rese note attraverso il sito ufficiale della società (www.uscatanzaro1929.com).

“L’impatto con la squadra e l’ambiente – commenta l’ultimo arrivato in casa giallorossa – è stato ottimo. Se poi domenica avessi pure segnato, sarebbe stata una favola…”, aggiunge.

“Perché ho scelto Catanzaro? Una società come quella giallorossa non si può mai rifiutare – sottolinea -. Stiamo parlando di un club storico, con un passato importante, con un presidente serio e corretto, e con il DG ed il tecnico che sono persone validissime”. “La trattativa – racconta – è nata quasi per caso. Non ero in uscita da Ischia, poi sono accadute delle cose, di cui non voglio parlare, ed ho trovato subito l’accordo col Catanzaro. Come sto fisicamente? Diciamo che sono prontissimo e non solo per via di un ritmo partita che ho già, avendo giocato con frequenza in questi mesi. La cosa più importante, infatti, sono la testa ed il cuore, ragion per cui mi sento pronto!”.

In estate, era diventato un giocatore della Vigor Lamezia, prima del terremoto dovuto alle sentenze sportive di Dirty Soccer: “Il calcio è strano proprio come il destino. In estate dovevo fare coppia con Moi, prima dei noti fatti. Col senno del poi, pur dinanzi al dispiacere che ho provato in estate per me e soprattutto per la Vigor, il destino mi ha sorriso regalandomi il Catanzaro”.

 

(FONTE: UFFICIO STAMPA US CATANZARO)

Related posts

Icardi si rilancia: “Devo riconfermarmi. Rinnovo? Perché no”

admin

Addio Cosentino, il cordoglio dell’US in un comunicato

admin

Tra poco Martina-Catanzaro: in campo i due nuovi arrivati

admin