Allenamenti Il Punto Interviste Primo Piano

Aquile a caccia del primo successo del 2016. Erra: “Riscattiamoci”

banner

Alessandro ErraUn punto solo nel 2016. Pochino. Prestazioni certamente da non buttare via, specie se consideriamo che il calendario impone una sequenza di match difficili, uno dopo l’altro. Non è un alibi, perché i fatti dicono che “il patto piange” e occorre risalire la china per riprendere quel cammino tutto sommato sereno condotto da Erra in questi mesi.

Proprio il tecnico giallorosso ha fatto il punto della situazione prima della trasferta di Castellammare. Aprire una settimana di lavoro dopo una sconfitta pesante (anche troppo, per quello che si è visto in campo) e per di più in casa non è facile. Il Foggia è avversario quotato, è vero, ma non deve costituire un attenuante, dal momento che le leggerezze palesate contro i rossoneri erano tranquillamente evitabili, a cominciare dall’espulsione di Bernardi, che ha “gambizzato” la squadra, con un’ora da giocare. Eppure il gruppo pare aver reagito con maturità, senza drammatizzare, preparandosi alla sfida contro la Juve Stabia con lo spirito giusto, analizzando gli errori commessi: questo “l’Erra pensiero”, alla vigilia di un incontro da non sbagliare, nonostante il valore di un avversario che non gode della classifica che meriterebbe. “Domani, la nostra opportunità di riscatto. I ragazzi hanno lavorato con la solita intensità e voglia e dovranno farsi valere”, dice Erra, che non ha motivo di sostenere il contrario, per quanto emerso dal lavoro settimanale.

Spunti interessanti, specie da Calvarese e Patti, chiamati a sostituire sulle fasce gli squalificati Bernardi e Squillace, su cui il trainer dell’US ripone la piena fiducia, così come rassicura il contributo che il neo arrivato Olivera potrebbe apportare: “Fisicamente è pronto, ho avuto un impatto positivo, ma mi riserverò di decidere prima della partita”, osserva il mister, senza sbilanciarsi più di tanto. Dubbi che lo accompagnano anche su chi avrà il compito di assistere Razzitti in avanti, in un reparto privo di Taddei, per il quale la rescissione di contratto è cosa fatta: “Perdiamo qualità, ma speriamo di guadagnare in dinamicità e freschezza”, sottolinea l’allenatore del Catanzaro. Infine, Erra mette in guarda dalle Vespe: “E’ una squadra concepita per puntare in alto, con gente di carisma e spessore. Dovremo stare attenti alla loro voglia di rivalsa”. 

 

Cosimo Simonetta

 

Related posts

Auteri e l’US, tra suggestione e realtà

admin

Zavettieri: “A Siracusa per vincere. Voglio un grande Catanzaro”

admin

Ranieri miglior allenatore del 2016 per la FIFA

admin