Vuoi la tua pubblicità qui? Contattaci

Sala Stampa

Aquile al debutto, è già emergenza. Calabro alla vigilia: “Non voglio alibi”

banner

Finalmente è arrivato il campionato a sancire, dopo tanti allenamenti e una gara di Coppa Italia, agli appuntamenti che contano anche per il Catanzaro che si presenterà al “Viviani” di Potenza in formazione risicata a seguito delle operazioni di mercato che, nell’intento di ottimizzare l’organico, stanno impegnando oltremodo la dirigenza giallorossa.

 Mister Antonio Calabro, incontrando la stampa, ha cosi commentato  l’imminente esordio: “C’è attesa e voglia di iniziare questo campionato per confrontarci affrontando le partite step by step”.

Sulla prima di campionato con la rosa ridotta all’osso, il trainer fa buon viso a cattivo gioco:  “E’ probabile che arriveremo senza grosse alternative perché Di Piazza è ancora in dubbio. Dovremo essere bravi a trovare alternative diverse e a compattarci davanti alle difficoltà che una stagione lunga e difficile comporta. In avanti Bayeye potrebbe essere una soluzione Perché far giocare un calciatore della Berretti è rischioso perché si rischia di bruciarlo. I giovani si sono allenati bene e lo step deve essere progressivo”.

Non poteva quindi mancare un riferimento al mercato ancora in corso e, in particolare, sulla scelta di Kanoute di andare a Palermo:  “Io l’avevo premesso che non sarebbe stato un mercato facile. Certamente tutti vorremmo tutto e subito ma non possiamo sapere come si evolve il mercato e  se per avere l’alternativa giusta bisogna aspettare un po’ ben venga.  Mi fido molto dei miei dirigenti. Su  Kanoute preferisco non esprimermi”.

Tornando alla gara di domani, Calabro si troverà di fronte un tecnico come sui propositi di vittoria: “La squadra mi segue e si è allenata bene. La gara di domani ci darà delle curiosità m a noi ci arriviamo con il piglio giusto, quello avuto con il Francavilla. Perché mi è piaciuta la reazione, l’atteggiamento, lo spirito di sacrificio, la compattezza – dice il trainer pugliese -. La reazione di Corapi e Carlini dopo il gol preso è stata seguita da tutto il gruppo. Il Potenza è una buona squadra, che ha cambiato tanto ma che è allenata da un grande tecnico qual è Mario Somma che certamente avrà studiato bene come affrontarci. Ho un ricordo di Somma per il mio debutto in Serie C proprio contro il Catanzaro quando vincemmo 1-0 con gol di De Angelis. Quando incontravo il Catanzaro facevo la partita della vita. Noi dobbiamo renderci conto di avere un nome pesante e chiunque ci affronterà vivrà una settimana importante”.  

Infine alla domanda sul prossimo calendario che costringerà le aquile a fare gli straordinari: “Non dobbiamo avere alibi, dopo aver fatto quattro mesi a Viterbo giocando ogni tre giorni – è il commento finale del mister Calabro – credo che la soluzione sia pensare partita dopo partita”.  

 

Gregorio Buccolieri

Related posts

“Più ‘cattivi’ delle ultime gare”: Fischnaller ai microfoni

admin

Parla il “vice” Di Maio: “Comunque soddisfatto di questa Casertana”

admin

“Prestazione convincente, ragazzi eccezionali”: Calabro nel post-gara

admin