Sala Stampa

Auteri soddisfatto: “Ottimi 50 minuti, peccato non concretizzare”

banner

Non proprio ciò che auspicava l’allenatore sotto il profilo del risultato, ma era necessario passare il turno ed il Catanzaro centra questo primo obiettivo. Senza andare troppo per il sottile, occorre essere pratici e va bene anche così.  Questo, in sintesi, il pensiero di Gaetano Auteri nel post-gara.

Adesso però si torna subito a lavorare: quel che è certo è che i giallorossi per tentare la “scalata”, dovranno farlo comunque lontano da casa, indipendentemente da ciò che decreterà Ternana-Avellino di domani: Potenza o Catania, questi i possibili scenari.

“Qualificazione meritata contro una buona squadra, solida, ma noi abbiamo dimostrato di essere superiori – analizza il tecnico -. Abbiamo fatto un’ottima partita per cinquanta minuti, con l’unico torto di non concretizzare. All’inizio del secondo tempo, il Teramo ha alzato il baricentro e noi siamo stati un po confusi nel difendere, però col passare dei minuti abbiamo gestito, spegnendo le loro velleità con quattro/cinque attaccanti. Abbiamo raccolto un pareggio, avremmo potuto ottenere di più, ma l’importante era qualificarsi”.

E se alla vigilia Auteri aveva garantito che il Catanzaro non avrebbe avuto un atteggiamento speculare, puntando sul beneficio di due risultati a favore, la squadra ha risposto con concentrazione, intensità e voglia, sostanzialmente senza mai “sedersi”. Peccato, quindi, per non aver capitalizzato. “C’è da migliorare, ma sono contento perché per circa un’ora abbiamo fatto una grande gara pur controvento, costruendo, pressando, rimanendo sempre corti, correndo tanto – osserva il trainer di Floridia -. E’ anche normale, nel secondo tempo, pensare di gestire e allentare i ritmi e avere un calo, ma sono contento perché abbiamo giocato con autorevolezza e personalità. Peccato non aver chiuso la contesa. Onore al Teramo perché ci ha provato in tutti i modi, ma noi siamo stati superiori”.

Adesso però la solfa cambia, perché, al di là dell’avversario, saranno le Aquile costrette ad inseguire, partendo dall’handicap di dover vincere.

E chissà che il non avere alternative alla vittoria (per di più in trasferta), non conceda l’input per sfoderare una grande prestazione.

“Intanto recupereremo Bianchimano e avremo qualche giorno per preparare la partita – conclude Auteri -. Le parti si invertono ora, perché tocca a noi fare ciò che ha fatto il Teramo stasera! Mi auguro con migliori fortune e con una prestazione ancor più autorevole”.

Related posts

Aquile, un trend da invertire: Auteri presenta il match

admin

“Darò tutto”: i propositi di Elizalde

admin

“Nelle nostre mani la possibilità di riscattarci”: Auteri suona la carica

Cosimo Simonetta