Antonini segna l'1-0 contro l'Ascoli Antonini segna l'1-0 contro l'Ascoli

Serie b 24a giornata: vincono tutte le big, sorpasso Catanzaro sul Cittadella

Scritto da  Daniel Mastellone Feb 12, 2024
Questo articolo contiene parole
Il tempo di lettura è di circa minuti.
Livello di difficoltà di lettura:

Nei piani alti non accade nulla di nuovo, vincono praticamente tutte ad eccezione della Cremonese. Il Bari reagisce alle contestazioni dei tifosi con una vittoria, Samp in difficoltà

Seconda vittoria consecutiva per il Parma che sale a quota 51 punti, 6 in più rispetto al secondo posto, quarta sconfitta di fila, invece, per il Cittadella che scivola cosi al settimo posto. Al "Tombolato" accade di tutto nel primo tempo, con il Parma che, dopo aver sfiorato il vantaggio con Banedyczak, trova l'1-0 dopo otto minuti con l'assist del polacco per Bernabé che batte Kastrati con un preciso sinistro dal limite dell'area. I crociati raddoppiano al 38', ancora un assist di Benedyczak, queta volta sfruttato dal destro al volo di Hernani. Poco prima dell'intervallo Negro spinge in porta un cross basso di Vita, ridando una speranza ai padroni di casa che nella ripresa (dopo aver rischiato ripetutamente il terzo gol evitato solo da due grandi parate di Kastrati), hanno il pallone del pareggio con Pandolfi che calcia debolmente un rigore in movimento.

Quinto risultato utile consecutivo per la Cremonese che, dopo quattro vittorie di misura (tutte 1-0) nel 2024, pareggia 1-1 con la Reggiana di Nesta alla settima senza sconfitte, ma pesa un gran gol di Falletti annullato  al VAR a 10 minuti dalla fine. Decide Strefezza il derby lombardo tra Como e Brescia nell'anticipo del venerdi sera: il nuovo arrivato dimostra di essere di un'altra categoria e permette al suo Como di agganciare al secondo posto la Cremonese. Il Brescia tuttavia non sfigura e con il palo di Borrelli sfiora il pareggio. Il Venezia sbanca il "Druso" dominando la prima frazione e dilagando nella ripresa grazie alla doppietta di bomber Pohjanpalo e al primo gol stagionale di Zampano. Sudtirol (prossimo avversario delle Aquile) impalpabile in avanti, apparso nervorso e tatticamente mal disposto, chiude la gara in 10 per un doppio giallo a Masiello.

Continua la corsa del Palermo che nella ripresa ha la meglio sulla Feralpi dopo un opaco primo tempo. Al minuto 68', è Ranocchia a sfruttare la sponda di Di Francesco con un preciso tocco d'esterno che termina nell'angolo basso di destra alle spalle di Pizzignacco. Il raddoppio non tarda ad arrivare ed al minuto 76' grazie alla torsione di Soleri che prende il tempo a tutti e batte il portiere di casa. In pieno recupero è Dubickas ad accorciare le distanze, rendendo gli ultimi minuti emozionanti ma non cambia più nulla e il Palermo dopo oltre quattro mesi torna corsaro. Partita scoppiettante e ricca di emozioni al "Ceravolo" dove il Catanzaro ha la meglio sull'Ascoli e restituisce il torto subito all'andata. Giallorossi in vantaggio con il primo gol in serie B di Antonini, ma vengono raggiunti dopo pochi minuti dal pareggio di Mantovani per l'Ascoli che quasi allo scadere di tempo ribalta il risultato con il capitano Botteghin. Nella ripresa l'espulsione di Valzania per rosso diretto dà il là alla rimonta del Catanzaro che pareggia a nove minuti dalla fine grazie ad un ottimo spunto di D'Andrea sulla destra che costringe Bellusci all'autorete nel tentativo di anticipare Iemmello. Proprio il bomber delle Aquile a pochi minuti dalla fine segna il 3-2 facendo esplodere il "Ceravolo" innescando un'emozionante corsa per tutto il campo fin sotto la "Capraro". Con questa vittoria il Catanzaro sale al sesto posto in classifica a 38 punti scavalcando il Cittadella, mentre l'Ascoli rimane 16.mo a 22 punti.

Un primo tempo spettacolare, quello tra canarini e lupi, nel quale entrambe le squadre sono andate a segno: al gol di Gliozzi risponde Tutino alla decima rete stagionale. Primi 45 minuti che hanno visto protagonisti anche e soprattutto i portieri, con grandi interventi. Nella ripresa cala prevedibilmente il ritmo e non cambia il risultato del "Braglia tra Modena e Cosenza finisce 1-1. Festa grande per i galletti che portano quasi in trionfo il loro nuovo allenatore Beppe Iachini prima di andare sotto la curva: il Bari supera per 3-1 il Lecco e sale a quota 30 punti, agganciando al 10° posto sia Pisa che Reggiana, mentre i lombardi incassano la quinta sconfitta di fila, con la panchina di Bonazzoli che traballa sempre più.

Il Pisa supera 2-0 la Sampdoria e si porta a quota 30 punti in classifica. Primo tempo con poche emozioni, liguri in dieci per l'espulsione di Giordano (somma di ammonizioni). Il risultato si sblocca al 58' grazie ad una prodezza da fuori area di Caracciolo. Barbieri al 70' realizza la rete del raddoppio. Pisa che intravede la zona playoff, mentre scivola al quindicesimo posto la Sampdoria a 5 punti dai playout, servirà assolutamente un cambio di marcia per gli uomini di Pirlo. Infine pareggio al cardiopalma al "Liberati" tra Ternana e Spezia nella sfida che chiude la 24a giornata: rammarico Ternana anche per il rigore fallito ma lo Spezia ha dominato il possesso per larghi tratti di gara. Protagonista il portiere di casa Iannarilli con parate decisive, ma non è da meno il collega Zoet che al 60' respinge il rigore di Pereiro. Nel finale Distefano trova la zampata ma proprio all'ultima azione del match arriva il pareggio firmato da Di Serio che inchioda il risultato sull'1-1.


TOP
Parma,Bari e Catanzaro
RIMANDATI
Cremonese,Modena e Spezia
FLOP
Lecco,Sudtirol e Sampdoria

Devi effettuare il login per inviare commenti