Interviste Primo Piano

Dionigi a caldo: “Bicchiere mezzo pieno, complimenti ai ragazzi per lo spirito”

banner

Il “Dionigi-pensiero” è quanto mai diretto e pragmatico: stando alle affermazioni del tecnico, nel post-gara, in questo momento particolare, data l’assenza di molti giocatori importanti, non era possibile ottenere di più contro una squadra in salute come la Paganese, che già nella settimana precedente aveva messo in seria difficoltà la capolista Lecce.

<<Dobbiamo essere soddisfatti per un pareggio meritato, oltre che per la prestazione dei ragazzi, che hanno giocato con grinta e cattiveria, credendoci fino alla fine; per come si erano messe le cose, il bicchiere è da vedere mezzo pieno>>, ammette Dionigi in sala stampa. Sebbene il gol sia arrivato nel finale e in modo rocambolesco, la soddisfazione del tecnico reggiano è soprattutto per l’approccio alla gara dei suoi e per la mentalità dimostrata nei novanta minuti, senza aver mai rinunciato a giocare: <<E’ facile chiudersi e provare a giocare solo di ripartenza, come ha fatto oggi la Paganese, che ha puntato molto sul suo giocatore più importante, Cesaretti>>, dice, complimentandosi anche con l’avversario che, evidentemente, avrebbe meritato il secondo gol nella ripresa.

Il mister pone giustamente l’accento sulla convinzione di non rinunciare mai a giocare: questo modo di approcciarsi alla partita è risultato vincente contro squadre che al “Ceravolo” hanno giocato a viso aperto, come il Fondi o il Cosenza, <<compagini che stanno raggiungendo risultati importanti, come quelli di oggi, rispettivamente contro Bisceglie e Trapani>>, sottolinea. Viceversa, non è semplice affrontare compagini che si chiudono, in attesa di colpire in contropiede: <<La Paganese ha fatto oggi una buona gara, sfruttando l’unica occasione del primo tempo. Se fossimo passati noi in vantaggio, probabilmente sarebbe stata un’altra partita>>, osserva il mister, soffermandosi ancora una volta sull’impiego dei giovani, fattore preponderante di questa società, indipendentemente dalla circostanza che pone nelle condizione di usare la linea verde: <<Come sapete, siamo la terza società del girone per l’impiego di giovani in campo! E’ chiaro, qualche errore in più c’è da aspettarselo durante la partita, ma la mentalità comunque non cambia e alla lunga, i risultati si otterranno solo così >>.

 

Danilo Ciancio

Related posts

Catanzaro-Pisa, 0 a 0 tra le polemiche al “Ceravolo”

admin

“Money Gate”, US prosciolto: la nota del presidente

admin

Il rammarico di Erra: “Gara equilibrata, nessun divario in campo”

admin