Comunicati Ufficiali Il Punto Notizie Primo Piano

“Dirty Soccer”, paga anche il Catanzaro Calcio

banner
L'ex DS Armando Ortoli
L’ex DS Ortoli

La mannaia della Procura Federale, tronca ogni speranza di uscire fuori indenne dall’inchiesta “Dirty Soccer” per il Catanzaro Calcio. Tuttavia, avevamo messo in cantiere una simile funesta ipotesi e, immancabilmente, anche il sodalizio presieduto dal Presidente Cosentino paga dazio.

A “macchiare” la condotta dell’US, quel Barletta – Catanzaro dell’1 aprile scorso, conclusa 1-1. Stando alla tesi dell’Accusa, sarebbe stato proposto di alterare il risultato del match all’allora DS Armando Ortoli ed al calciatore Mimmo Giampà. In tutto ciò, emerge la figura del Presidente Giuseppe Cosentino che (sempre secondo l’Accusa) informato dei fatti, si è ragionevolmente opposto al tentativo di “combine”, tuttavia senza denunciare la vicenda agli organi preposti; quindi, Cosentino è accusato di omessa denuncia, mentre Ortoli e Giampà dovranno rispondere di tentato illecito.

 

Presidente Giuseppe CosentinoNell’ambito dell’inchiesta condotta proprio dalla Procura del Capoluogo, sono state deferite:

  • Livorno in Serie B;
  • in Lega Pro Akragas, Juve Stabia, Monopoli, Fidelis Andria, L’Aquila, Santarcangelo, Maceratese, Savona, Prato, Pro Patria, Cremonese, Pavia, Tuttocuoio;
  • nei Dilettanti e in Eccellenza, Neapolis, Comprensorio Montalto, Puteolana Internapoli, Hinterreggio, Sorrento, Scafatese, Nerostellati Frattese, Due Torri, Pro Ebolitana, Grosseto, Torres, Barletta, Vigor Lamezia, Aversa Normanna.

Cosimo Simonetta

Related posts

Aquile in cerca della vittoria scacciapensieri contro la Vigor

admin

Catanzaro-Foggia: seguila sull’app!

admin

“Sprigionare la rabbia accumulata”: gli obiettivi di Ciccone

admin