lega pro_2014 2015_ceravoloSmaltita la sbronza dei festeggiamenti, la Salernitana è stata asfaltata 4-2 dal Messina e terminerà la stagione in casa contro la Casertana (vittoriosa 4-1 sul Savoia) che, insieme a Juve Stabia, Matera e Lecce, lotta per i playoff: una delle tre verrà inevitabilmente estromessa dalla porta secondaria che condurrà alla Serie B.

Il Benevento, infatti, è certo di disputare per l’ennesimo anno gli spareggi, sperando di scongiurare la “maledizione” che in passato si è abbattuta a pochi metri dal traguardo, puntualmente. Le streghe, imposte di misura sul Cosenza, riceveranno la Juve Stabia, reduce dal 4-2 sulla Vigor Lamezia. Questi due scontri potrebbero favorire il Matera, che arriva da quattro vittorie di fila, l’ultima contro il Melfi per 1-0. Gli uomini di Auteri faranno visita sul campo dell’Aversa, sicura di disputare i playout, dopo il 2-0 rifilato a domicilio alla Lupa Roma. Il Lecce pare destinato a restare a mani vuote per il terzo anno consecutivo: nonostante il 3-0 sull’Ischia, i salentini dovranno assolutamente vincere a Lamezia e sperare nella sconfitta delle due concorrenti. Molto difficile, specie nelle dinamiche della vecchia “Serie C”, dove accade di tutto nel rush finale. Il Foggia attenderà allo “Zaccheria” la tranquilla Paganese dopo aver espugnato Barletta, mentre gli azzurrostellati, pareggiando 0-0 con il Martina, suggellano la loro salvezza, relegando Corona e compagni ai playout.

Al “Ceravolo” di scena la Lupa Roma, per un’altra partita che avrà la connotazione del test amichevole, visto che entrambe non hanno nulla da dire. A far parlare, piuttosto, è l’esonero di Sanderra dopo il 3-1 nel derby del “Granillo”. L’Ischia, dopo il pesante 3-0 di Lecce, riceverà il tranquillo Barletta per migliorare la propria posizione, sperando che l’Aversa perda. Savoia-Messina e Martina-Reggina decreteranno chi retrocederà in Serie D e chi andrà agli spareggi salvezza. Il Savoia ha due risultati su tre a disposizione contro il Messina, mentre gli amaranto dovranno vincere in Puglia e… pregare qualche santo in paradiso.

 

Ferdinando Capicotto

Related posts

Aquile tra poco in campo col dubbio Squillace: pronto Di Chiara

admin

Cuore e grinta bastano a battere il Grifone: Catanzaro-Perugia finisce 1 a 0

admin

“E’ successo in…” – 9^ Giornata

admin