Allenamenti Il Punto Interviste Primo Piano

Erra in vista della Lupa Castelli Romani: “Mi aspetto carattere e personalità”

banner

DSC_0095Dobbiamo avere la forza di guardare dentro di noi. L’obiettivo è quello di cercare di portare l’attenzione solo su noi stessi, indipendentemente da chi andremo ad affrontare”. Queste le parole del tecnico Alessandro Erra a due giorni dallo scontro diretto che attende le Aquile in casa di una Lupa Castelli Romani, ancora senza allenatore, dopo l’esonero di Mister Galluzzo, dopo la sconfitta rimediata in casa del Cosenza per 2-0.

Ritengo sia una partita – ha affermato il trainer giallorosso – nella quale dipenda molto da noi. Mi aspetto una grande prestazione di carattere e personalità, per dare continuità alla vittoria contro il Lecce”. Nella gara contro i laziali tornerà dalla squalifica un elemento importante per il centrocampo come Agnello, fino ad ora uno dei migliori in rosa. “Siamo quasi al completo – ha esaminato Erra – e ciò è positivo perché ci rende ancor più competitivi. Più siamo e meglio è per noi”. Il ritorno dell’ex Melfi risulterà ancor più funzionale nel 4-3-3 con il quale il Catanzaro affronterà la partita di sabato pomeriggio. L’ex allenatore del Lamezia, pare, infatti orientato a riproporre il modulo con il quale sono stati sconfitti i salentini. “Cerchiamo di trovare la giusta quadratura”, ha dichiarato Erra.

Sull’ingresso in campo domenica scorsa di Caruso che ha propiziato il 2-1, l’allenatore dell’US ha trovato il giusto spunto per parlare dei giovani in rosa: “Questi ragazzi devono sfruttare i minuti e le occasioni che gli vengono concessi. Devono farsi trovare pronti – ha spiegato il mister – sia se si tratti di partire titolari, che a gara in corso”.

Sugli avversari di sabato, si aspetta di trovarli determinati a lasciarsi alle spalle il loro momento negativo, culminato con l’esonero di Galluzzo. “Sarà una sfida particolare – ha esaminato Erra – in quanto sarà come giocare a porte chiuse, vista la scarsa affluenza di pubblico. Dovremo trovare in noi le giuste motivazioni per portare a casa un risultato positivo”.  Infine, alla gara di Coppa Italia contro l’Akragas, il tecnico ci penserà solamente dopo la partita di campionato.

Ferdinando Capicotto

Related posts

Le Aquile pescano dall’urna la Feralpisalò

Cosimo Simonetta

La sconfitta stavolta costa la panchina a Sanderra: esonerato

admin

25 aprile 2004: Corona stende l’Acireale

admin