Partite Primo Piano

Gagliardo e determinato: il Catanzaro rimanda a casa il Matera con un 3 a 1

banner

Vittoria scacciacrisi per il Catanzaro. 3-1 su un Matera in netta difficoltà psicologica e giunto alla quinta sconfitta consecutiva. Partita dura, molto intensa, combattuta su ogni pallone infuocato. Alla fine il successo è andato alle aquile perché questi 3 punti li hanno voluti, mettendo in campo una determinazione mai vista in questa stagione. Dopo i primi 20 minuti, infatti l’US ha giocato alla pari con il più quotato avversario ed a tratti i lucani non hanno nemmeno visto la sfera. Dopo Taranto era troppo importante riprendersi. Piccola soddisfazione aver ottenuto il successo contro l’ex mister Auteri.

Il tecnico Erra schiera la squadra con il 4-4-2.  De Lucia fra i pali; Pasqualoni, Prestia, Patti e Sabato in difesa; Icardi, Maita, Van Ransbeek e Cunzi a centrocampo; Giovinco e Gomez davanti.

All’8′ punizione per gli ospiti, colpo di testa a botta sicura di Ingrosso e De Lucia si oppone con i piedi salvando il risultato. Tre minuti dopo Casoli fa secco Icardi ed impegna il portiere giallorosso che respinge. Al 17′ altra palla gol clamorosa per il Matera con Negro che di testa davanti la porta manda a lato. Altra parata di De Lucia su Lanini. Al 20′ velleitario mancino di Van Ransbeek alto. Rigore clamoroso non concesso a Cunzi al 25′. Evidente l’atterramento sul numero 7. Un minuto dopo palo di Icardi dal limite. Al 32′ lancio di Patti per Cunzi che calcia, ma Tozzo devia in corner. Al 34′ taglio di Giovinco sul filo del fuorigioco che si gira e batte Tozzo per il vantaggio del Catanzaro.  Subito dopo uscita pazza di Tozzo e per poco Maita non lo beffa con un pallonetto. Al 41′ buona chance per Gomez che spara sopra la traversa dal limite. Bel taglio di Strambelli che conclude alto al volo. Al 47′ l’arbitro manda le squadre negli spogliatoi.

Inizio di secondo tempo strano senza nessuna palla gol e con le aquile che sembrano gestire la partita. Ma il Matera riesce a pareggiare.Al 63′ lancio per Lanini, Pasqualoni se lo perde; l’attaccante salta De Lucia ed insacca. Erra inserisce Sarao per Gomez. Alto il sinistro di Maita al 68′. Al 71′ punizione di Giovinco, Tozzo devia sulla traversa, arriva Icardi che depone in rete per il 2-1. Subito dopo fallo su Giovinco e l’arbitro decreta il rigore. Lo stesso numero 10 spiazza Tozzo per il 3-1. “Ceravolo” impazzito. Mancosu prende il posto di Giovinco. Entra anche Carcione per Maita. Al’84’ imbucata Negro che manda sull’esterno della rete. Non succede più nulla. Il Catanzaro vince meritatamente.

Ancora la strada è molto lunga per la salvezza diretta. Bisognerà inanellare una serie di risultati utili ed in particolare vittorie. A Melfi domenica prossima l’imperativo saranno nuovamente i 3 punti.

Ferdinando Capicotto

 

Related posts

Stagione 2013/14, numeri e curiosità sul cammino dei giallorossi – IL PUNTO

admin

“Devo vedere il bicchiere mezzo pieno”: l’analisi di Pancaro

admin

Razzitti in vista del Benevento: “Dobbiamo cercare l’episodio favorevole”

admin