Allenamenti Il Punto Interviste Primo Piano

Gli obiettivi di Razzitti: “Salvezza e doppia cifra”

banner

Razzitti_Lupa Castelli RomaniCristo è risorto. Il Catanzaro? Non ancora. La vittoria “opaca” ma determinante contro la Lupa Castelli nel deserto “Ceravolo”, ha dato un colpo di spugna con cui “smacchiare” la casacca dal fango delle pesanti sconfitte degli ultimi tempi.

Finora si è parlato di un gruppo concentrato e sereno ma a conti fatti perdere comprometterebbe l’armonia in qualsiasi famiglia, specialmente quella di una squadra che fa l’equilibrista sul baratro dei playout, quindi della retrocessione. Retrocessione che, facendo tutti gli scongiuri del caso, comunque non dovrebbe scorgersi all’orizzonte delle Aquile, a meno che il 2-0 sui laziali non resti un episodio isolato. Invece è doveroso dare un seguito non alla prestazione ma al risultato, a partire dalla trasferta di Messina, questo weekend.

Smaltiti i “postumi della Pasqua”, Andrea Razzitti, finalmente tornato ad esultare, ha parlato di uno “spirito battagliero, un po’ più sereno dopo i 3 punti sulla Lupa”; l’ariete bresciano, intervenuto alla ripresa degli allenamenti, dopo il rivitalizzante gol della scorsa settimana, è già proiettato alla sfida del “San Filippo”, dove servirà continuità.

Razzitti gol_esultanza_Lupa Castelli RomaniTre vittorie in sei partite per la salvezza, però è saggio non fidarsi dell’aritmetica, perché i giallorossi hanno l’obbligo di raggranellare quanti più punti possibili. E’ emerso questo nell’immediato post-Lecce: “Ci siamo guardati in faccia e abbiamo capito che tale atteggiamento non ci avrebbe portato da nessuna parte – rivela Razzitti-. I frutti si sono visti contro la Lupa e non mi riferisco solo al risultato, ma proprio all’atteggiamento, perché abbiamo interpretato al meglio la gara, lottando su ogni palla. La qualità del gioco è venuta meno, ma non abbiamo rischiato nulla”, osserva l’attaccante dell’US, apparso piuttosto nervoso ultimamente, specie al “Via del Mare”. Elemento da tenere cautamente in considerazione, è l’immancabile pressione che pesa quando si ha l’obbligo di vincere contro una squadra che non ha nulla da chiedere al torneo; fortunatamente il pallone scaraventato in porta alla mezzora ha portato con sé ansie e frenesia. Analizzando il suo percorso, simile a quello del collettivo, Razzitti esce allo scoperto: “Ho degli obiettivi personali che sono convinto di raggiungere entro fine campionato e coincideranno con quelli della squadra. Punto alla doppia cifra, così ci salveremo”.

 

Cosimo Simonetta

Related posts

Vacca saluta Catanzaro

admin

Sirri in sala stampa: “Riusciremo a venirne fuori, tutti insieme”

admin

Erra alla vigilia della Casertana: Dovremo essere molto determinati

admin