Allenamenti Il Punto Interviste

Icardi si rilancia: “Devo riconfermarmi. Rinnovo? Perché no”

banner

Le caratteristiche di Simone Icardi (del miglior Icardi, quello apprezzato a metà della scorsa stagione) avrebbero senza dubbio consentito al Catanzaro maggiore fluidità ed estro, in mezzo al campo ed in fase offensiva, dove idee e finalizzazione sono mancate, in questo avvio di torneo.

Davide Dionigi, per la prima volta da quando è arrivato sui Tre Colli, potrà disporre di quasi tutti gli effettivi nel giro di poco tempo (il belga Van Ransbeeck ne avrà ancora per un po’), a cominciare proprio da Maita e Icardi, subentrati nel finale a Catania, per mettere “olio e minuti” nelle gambe. Sia chiaro: sebbene il calciatore sia guarito dall’infortunio, si trova ancora al “punto zero” della condizione atletica, ragion per cui potrà ritenersi definitivamente recuperato, allorquando raggiungerà il “top”, mettendosi al pari dei compagni. Intanto, il tecnico giallorosso tira un sospiro di sollievo, così come il ragazzo, attenzionato da diversi club di B, al punto di essere in procinto di abbandonare la Calabria per altri orizzonti. Alcuni atteggiamenti non proprio edificanti, poi, hanno creato la distanza tra lui e la tifoseria, perciò il numero 4 è chiamato a ripartire da zero (se vuole davvero restare), per dimostrare quanto fatto di buono l’anno scorso, seppur ad intermittenza.

<<Purtroppo, dopo aver recuperato dall’infortunio a fine agosto, per una diagnosi non corretta ho avuto una ricaduta al ginocchio, che ha aggravato la situazione, ed i tempi si sono dilungati di un mese e mezzo – spiega il centrocampista giallorosso, rompendo il silenzio dopo tanto tempo-. Non sono al 100%, ho perso perso i due mesi fondamentali in cui si scarica il lavoro del ritiro, ma continuando a lavorare starò sempre meglio, perché l’intensità richiesta da Dionigi in allenamento, mi aiuta a recuperare>>, ammette il calciatore romano, disposto ad occupare qualsiasi porzione della mediana (da esterno e non solo), pur di giocare e dare una mano alla squadra.

Essenziale, in questa fase, è recepire le disposizioni del mister e ascoltarne i consigli, anche nel processo di crescita personale: non è dato sapere, ad oggi, se il giocatore andrà via da Catanzaro già nella finestra di gennaio (la sua cessione, infatti, è sembrata solo rimandata), ma per vestire la casacca dell’US, occorre consapevolezza e impegno, senza distrazioni. A tal proposito, rivela: <<C’erano delle trattative che non sono andate in porto, ma ho parlato con la società e sarei disposto a rinnovare. Nonostante le offerte della scorsa estate, avrei dato il 100% se fossi rimasto, era noto a tutti. A questo punto, devo riconfermarmi>>.

Memore della clamorosa disfatta dell’anno passato, Icardi è consapevole dell’ulteriore significato che ha assunto il derby: <<Tutti quanti, anche chi non c’era lo scorso anno, sono a conoscenza dell’importanza di questa partita. Inoltre, vincere potrebbe lanciarci definitivamente, dopo queste ultime quattro/cinque prestazioni, in cui si è visto un miglioramento. La nostra cattiveria agonistica è sempre più notevole – conclude-. Se continuiamo su questa falsariga, migliorando ancora, sono fiducioso che potremo far bene>>.

 

Related posts

Aquile, finalmente si comincia! I convocati per il ritiro

admin

Catanzaro Beach Soccer verso le sfide del 5 e 6 luglio – La Photogallery

admin

Logiudice commenta il calendario: “Possiamo competere con le altre. Auteri il colpo di mercato”

admin