Calcio Mercato Il Punto Primo Piano

L’US e i prestiti da risolvere, con gli occhi su Marotta e Sandomenico

banner

Scuffia_LecceCon Carmine Donnarumma che ha preso il testimone di Armando Ortoli (nonostante manchi ancora l’ufficialità, anche perché il contratto dell’attuale DS scade il 30 giugno), il Catanzaro sta già svolgendo un lavoro silente per allestire l’organico e metterlo a disposizione di Mister D’Urso. Diversi gli appunti annotati nell’agenda dell’ex DG della Vigor.

Degli elementi rientranti dal prestito, chi verrà ritenuto utile alla causa giallorossa? Si dovrebbe arrivare a trattenere i soli Scuffia e Ricci, con il primo chiamato a ricoprire il ruolo di “numero 1”, dopo l’esperienza di Lecce, dove ha giocato le ultime sei gare. Il difensore toscano, invece, dopo la parentesi con la Pistoiese (dodici presenze, di cui undici da titolare), potrebbe essere utile nella difesa a tre che utilizzerà il tecnico giallorosso.

Per Di Chiara, Morosini, Barraco e Martignago, Donnarumma dovrà evidentemente cercare una nuova sistemazione, mettendo in conto anche la reazione del pubblico nel rivedere alcuni di loro al “Ceravolo” da avversari: difficilmente i supporters giallorossi vorranno ritrovarli con la casacca dell’US, ed eloquenti sono stati i fischi riservati a Di Chiara e Barraco, per esempio.

di chiara_lecceArgomento a parte, chi trattenere dell’attuale rosa per voltare pagina. Da quel che risulta, i vari Calvarese, Squillace, Ghosheh, Zappacosta, Giampà (comunque invischiato nell’inchiesta “Dirty Soccer”) e Bernardo dovrebbero essere riconfermati. È probabile che si cercherà di trattenere anche Orchi, che ha disputato un finale di campionato in crescendo. E Russotto? Molto dipenderà dalla declamata “offerta irrinunciabile” da parte di un club di serie B: se dovesse arrivare, il fantasista saluterà i Tre Colli, altrimenti rimarrà visto il contratto che lo lega alle Aquile per un altro anno.

 

L’ex dirigente biancoverde, tra l’altro, pare stia seguendo la pista che porta a Razzitti, sperando in qualche segnale d’apertura da parte del Brescia, detentore del cartellino dell’attaccante che con l’US ha realizzato ben sette gol, entrando nel cuore dei tifosi; insomma, una valida motivazione per cercare di “riportarlo” a Catanzaro.  In alternativa, se i lombardi dovessero decidere di credere in lui per la risalita in B, si sarebbero puntati gli occhi su Alessandro Marotta, che avrebbe rotto con il Benevento. Questa stagione nove reti, di cui una all’US, tra l’altro decisiva nello 0-1, con cui i sanniti hanno espugnato il “Ceravolo”.

Barraco_foggiaIn stand-by la strada che condurrebbe al terzino Castellana, si sta muovendo qualcosa per Bariti, che ha dato l’addio alla Lupa Roma. Sull’esterno, però, ci sono anche gli occhi dell’Ascoli. L’unico dubbio rimane una sua collocazione in campo, non essendo prevista nello scacchiere di D’Urso la figura dell’ala.

Come riportato da TMW, bianconeri e giallorossi si starebbero contendendo un altro giocatore offensivo: Salvatore Sandomenico. Non è un nome nuovo per il Catanzaro, avendo puntato gli occhi su di lui lui – ai tempi dell’Arzanese – l’allora tecnico Cozza, dopo la promozione in Prima Divisione. In questa stagione nove volte a segno con L’Aquila.

 

Ferdinando Capicotto

Related posts

“Continuità Cercasi”. Arriva il Monopoli, il Catanzaro non può fallire

admin

Tra poco Aversa-Catanzaro: l’ora di Mounard?

admin

Auteri a caldo: “Risultato bugiardo condizionato da arbitraggio inadeguato”

admin