"Match analysis": il Cerignola di Michele Pazienza, prossimo avversario delle Aquile

Scritto da  Gen 20, 2023
Questo articolo contiene parole
Il tempo di lettura è di circa minuti.
Livello di difficoltà di lettura:

Ventitreesima giornata di campionato: giallorossi di mister Vincenzo Vivarini impegnati nella seconda gara del 2023 al "Ceravolo" contro il Cerignola di Michele Pazienza.

La quarta giornata di campionato del girone di ritorno si gioca tra le mura casalinghe del “Nicola Ceravolo”. Le aquile di mister Vivarini, al rientro dopo la squalifica di Latina, affrontano la neo promossa e sorpresa del campionato, l’Audace Cerignola guidata da Michele Pazienza. Riavvolgendo il nastro del campionato, all’andata i pugliesi hanno interrotto la striscia di tre vittorie giallorosse, ottenendo un pareggio per  2-2 in casa. Il Cerignola è stato in grado di mettere in difficoltà squadre dello spessore di Foggia, Juve Stabia, Avellino, ottenendo con loro risultati positivi. Attualmente occupa la quarta posizione del torneo con 34 punti + 1 sulla Juve Stabia a 33.

In questo numero il match analyst della redazione metterà ai raggi la squadra pugliese, presentando il tecnico Michele Pazienza e concludendo con i consueti numeri statistici.

 

ALLA SCOPERTA DI MICHELE PAZIENZA

 

 

 

Nasce a San Severo il 5 agosto 1982. Ex calciatore di ruolo centrocampista, inizia il suo percorso nelle giovanili del Foggia Calcio. Promosso in prima squadra, contribuisce alla promozione in C1. Rilevato in estate dall’Udinese, viene girato in prestito alla Fiorentina: nel 2007 il riscatto e il successivo passaggio al Napoli nel gennaio 2008 esordendo contro i friulani con una vittoria per 3-0 che portò la sua firma. Trasferitosi alla Juventus per due anni, il passaggio al Bologna nel 2012, restando con i rossoblù per 3 stagioni totalizzando 37 presenze e un goal. Vicenza, Reggiana e Manfredonia le successive esperienze. Oltre 400 presenze con i professionisti più 13 goal messi a segno in carriera.

Chiusa l'attività agonistica, nell'estate 2017 inizia quella di allenatore passando alla guida della formazione Berretti del Pisa. Nel frattempo, il successivo settembre supera l'esame da allenatore di seconda categoria UEFA A. Nell'ottobre 2017 assume ad interim la guida della prima squadra del Pisa, in Serie C, sostituendo l'esonerato Carmine Gautieri. Debutta sulla panchina nerazzurra il 22 dello stesso mese, vincendo la trasferta di campionato sul campo dell'Alessandria (0-2). Otto giorni dopo viene confermato come tecnico della prima squadra; mantiene l'incarico fino al 26 marzo 2018, quando viene esonerato dopo la sconfitta nel derby toscano contro la Carrarese e i successivi screzi con la tifoseria nerazzurra. Nel novembre 2018 approda sulla panchina del Siracusa, ancora in terza serie, subentrando a Giuseppe Pagana: un pessimo ruolino lo porta tuttavia a essere sollevato dall'incarico già nel successivo mese di dicembre. Nell'estate 2020 diventa il nuovo allenatore dell'Audace Cerignola, in Serie D. In Puglia raggiunge nella stagione 2021-2022 la vittoria del girone H a cui consegue la promozione in Serie C, dopo 85 anni di assenza.

IL MODULO PIU’ USUSFRUITO IN CARRIERA, E’ STATO IL 1-4-3-3.

 

Il tecnico ex Carrarese e Alessandria, dopo aver ottenuto la promozione con i pugliesi,  ha ridisegnato la squadra grazie al buon mercato messo in atto dalla società, con uno schieramento tattico 1-3-5-2.

Iniziamo la nostra analisi con la fase di Possesso come nostra consuetudine. Nella prima immagine rappresentiamo una situazione di gioco catturata nel match esterno contro il Foggia vinto per 2-3 dal Cerignola. L’azione inizia dal basso con uno scarico di palla dell’estremo difensore Saracco, acquistato nel mercato estivo dai cugini di Andria. Riceve palla la linea 3 di difesa. Il reparto offensivo giallorosso Iemmello-Biasci avrà molto da lavorare in questo turno affrontando tre difensori di esperienza e qualità come: Blondett, Ligi e Capomaggio.

Approfondiamo singolarmente i 3 difensori. Blondett nostra conoscenza, è stato spesso accostato nelle finestre di mercato al Catanzaro, ha vinto un campionato nel 2020 con la Reggina. Ha maturato un esperienza al punto di condurre il reparto di difesa del Cerignola. Arriva da svincolato in puglia. Ligi alla prima esperienza nel girone C dopo una carriera tra girone A e B di Lega Pro. Ha vestito casacche come Crotone, Avellino, Cesena, Spezia, Carpi e Triestina. Vanta una carriera con 340 presenze tra i Pro e 11 goal. Capomaggio nazionalità Argentina, è un mediano roccioso, alto un metro e novanta. Ha una struttura fisica impressionante ma anche una notevole agilità. La fusione di queste componenti gli permettono di coniugare bene le due fasi di gioco, difensiva e offensiva. Sa coprire bene il campo e fare da schermo prima che sia la difesa a occuparsi dell’avversario. Sa far ripartire l’azione e alzare il baricentro della squadra. E molti si stanno accorgendo di lui negli ultimi mesi: può essere l’ultimo esotico nome che può infiammare il mercato in Serie B.

 

 

 

In trasferta il reparto di difesa attribuisce un giro di palla sterile allentando i ritmi della squadra avversaria. Filtra le giocate con palle lunghe  o passaggi corti e centrali appoggiandosi sui due play, Tascone-Langella. L’atra soluzione è uscire attraverso l’esterno di destra Coccia. Ultima variante è il rinvio dal fondo da parte dell’estremo difensore Saracco, alzando il baricentro della squadra nei confronti dell’avversario:

 

 

 

Rappresentiamo due azioni ripetute dal Cerignola. La prima riporta un cross sulla destra dove porta ad immettersi dentro l’area di rigore avversaria 4 giocatori in casacca gialla, essi marcati dalla linea a 4 del Foggia e contesi con i due play bassi. Restano alti due giocatori segnalati con le frecce fuori area per contenere un eventuale partenza del Foggia:

 

 

 

La seconda soluzione sono i tiri da fuori area, cercati e ricercati dal reparto avanzato. L’uomo pericoloso e chiave intravisto anche nel match di andata è Achik. Non sottovalutiamo l’esperienza di  Malcore, capocannoniere della squadra con 9 goal metti a segno:

 

 

 

In fase di NON possesso si schiera con il 1-4-4-1-1 o come rappresentiamo nell’ immagine utilizza 1-5-3-2:

 

 

 

L'approfondimento integrale insieme a pillole tattiche di match analysis, aneddoti e dati statistici, nel Settimanale in edicola o in formato digitale:

 

Niccolò Brancati

IlGiallorosso.info
Redazione
Tel +(39) 3338247197
redazione@ilgiallorosso.info

Articoli correlati (da tag)

Devi effettuare il login per inviare commenti

Prima pagina di oggi

Corriere dello Sport di oggi - Zoom

Gazzetta dello Sport di oggi - Zoom

Tutto Sport di oggi - Zoom


Publycon - Advertising

Compatibilty

IlGiallorosso.info - Reg. Trib Catanzaro nr. 15 del 25-10-2012
Direttore responsabile

Giuseppe Mangiavalori

Seguici su:

Publycon sas di L. Conforto & C. - Via B. Da Seminara, 52 - 88100 Catanzaro
P.I.03148140795 - R.O.C. 20849

IlG Cookie

Questo sito utilizza i cookie per garantire la migliore esperienza. Continuando a utilizzare questo sito web, acconsenti al loro utilizzo. Ulteriori informazioni sulla nostra politica sulla privacy