"Match analysis": il Palermo di Eugenio Corini, prossimo avversario delle Aquile

Scritto da  Nov 30, 2023
Questo articolo contiene parole
Il tempo di lettura è di circa minuti.
Livello di difficoltà di lettura:

Quindicesima giornata di campionato per i giallorossi di mister Vincenzo Vivarini, impegnati in trasferta contro il Palermo di Eugenio Corini.

Cinque punti in sei partite. Questo è il bilancio del periodo nero del Palermo, chiamato adesso a reagire contro il Catanzaro reduce dalla convincente e tonificante vittoria nel sentito derby contro i cugini del Cosenza.

Passata l’euforia, il Catanzaro ha l’obbligo di tornare al lavoro pensando all’anticipo di venerdì contro i rosanero. L’ultimo match disputato al “Renzo Barbera” risale alla prima stagione di Antonio Calabro terminato 1-2 per i giallorossi, decisivi i gol di Verna e Martinelli, il momentaneo 1-1 di Floriano. Continuando a parlare di numeri, entrambe le squadre sono a quota 24 punti frutto di 7 vittorie, 3 pareggi e 4 sconfitte. Le reti dei rosanero sono 19 vs i 22 dei giallorossi, mentre quelle subite sono state 11 vs le 18 prese dal Catanzaro. Il rullino di marcia dei siciliani nelle ultime gare è in discesa: iniziato con un pari last minute contro lo Spezia seguono tre sconfitte, un pareggio e una sola vittoria, quella contro il Brescia, arrivata più per un giocata individuale della coppia Valente-Coulibaly che per trame di gioco ben sviluppate ed affinate. La nota positiva di queste settimane in casa Palermo, è quella del recupero di Federico Di Francesco. Il giocatore ex Lecce e Sassuolo ha smaltito l’infortunio che lo ha tenuto fuori circa tre settimane ed ha iniziato la preparazione in vista della sfida vs i giallorossi.

Come match analyst della Redazione, in questa settimana le attenzioni sono sul tecnico Eugenio Corini e la tattica del suo Palermo.

Dopo il fallimento della proprietà Zamparini, la ripartenza dalla serie dilettanti e la vittoria dei play off, in Serie B,  c’è una squadra che sta cercando di risalire la china dopo anni di buio, con programmazione e dedizione, si tratta del Palermo. In passato si è posta sul calcio italiano come una realtà in grado di esprimere qualità di gioco e competere ad alti livelli, fino persino a poter iniziare ad assaggiare il gusto delle competizioni europee. Oggi i rosanero militano in Serie B e il loro allenatore “come presentato precedentemente”, è Eugenio Corini. La sua presenza sta cercando di imprimere la propria orma tattica sulla squadra, che quest’anno è tra le più forti della categoria. Infatti stando ad addetti ai lavori e media nazionali, “tra questi anche la presidenza Noto” la squadra siciliana alla vigilia dell’inizio del campionato cadetto era tra le maggiori candidate a un posto per la promozione nella massima Serie.

Come da nostra consuetudine, iniziamo la presentazione dell’avversario con il modulo di riferimento. Mister Corini parte di base con un 4-3-3, a differenza del 3-5-2 che ha caratterizzato gran parte della stagione scorsa. Il suo gioco si avvia dal basso, costruendo l’azione di gioco palla a terra con le prime trame a partire da portiere e difensore. Buon per lui che in porta si trova Mirko Pigliacelli, portiere dalle ottime doti tecniche in parata ma dotato anche di buonissimi piedi e una gestione della palla ottima:

Passata la palla dai difensori, questi cercano di spostare il gioco sulle corsie laterali, sfruttando la qualità di Di Mariano o Insigne a scambiare con i terzini e le mezze ali, in una triangolazione che porta al gioco sulle fasce e al cross al centro per la testa di Brunori o premiando gli inserimenti di Vasic o Segre. Il Palermo, infatti, punta forte sull’uso del cross grazie a giocatori ben strutturati e capaci di attaccare lo spazio in maniera eccellente e con tanti uomini:

Mister Corini vuole che la sua squadra sia aggressiva e votata all’attacco, portando diversi giocatori a partecipare alla fase offensiva:

C’è poi la fase di non possesso che è basata su una copertura massima del campo. Naturalmente l’obiettivo numero uno in questa fase è quello di non concedere campo agli avversari in modo da non sbilanciarsi troppo e lasciare praterie aperte dove è facile infilarsi:

 

L'approfondimento integrale insieme a pillole tattiche di match analysis, aneddoti e dati statistici, nel Settimanale in edicola o in formato digitale:

Niccolò Brancati

IlGiallorosso.info
Redazione
Tel +(39) 3338247197
redazione@ilgiallorosso.info

Articoli correlati (da tag)

Devi effettuare il login per inviare commenti

Prima pagina di oggi

Corriere dello Sport di oggi - Zoom

Gazzetta dello Sport di oggi - Zoom

Tutto Sport di oggi - Zoom


Publycon - Advertising