"Match analysis": alla scoperta di Ambrosino e D'andrea

Scritto da  Mar 22, 2024
Questo articolo contiene parole
Il tempo di lettura è di circa minuti.
Livello di difficoltà di lettura:

Seconda convocazione stagionale per i due giovani giallorossi che confermano l’ottimo lavoro svolto finora dal tecnico Vivarini in Serie B alla guida del Catanzaro. I due talenti in prestito dal Napoli e Sassuolo, sono pronti a scendere in campo con le rispettive maglie delle Nazionali Under 21 e 20 per gli impegni di “Euro 2025” ed “Elite League”.

Approfittando della sosta, con l’aiuto delle immagini, andrò a mettere a fuoco le caratteristiche delle due giovane promesse del calcio italiano, descrivendoli tecnicamente e tatticamente.

 

GIUSEPPE AMBROSINO

 

Giuseppe Ambrosino nasce a Procida il 10 settembre 2003. Entra nel settore giovanile del Napoli nel 2013. Nella stagione 2021-22 vince la classifica marcatori del Campionato Primavera 1 e viene premiato come miglior attaccante del campionato. Il 1° settembre 2022 viene ceduto a titolo temporaneo al Como segnando il primo gol in Serie B. Dato lo scarso minutaggio, il Napoli decide di interrompere il prestito dove nella finestra del mercato invernale lo gira in prestito fino al termine della stagione al Cittadella, dove colleziona 15 presenze e 1 gol. Al termine della stagione torna al Napoli, che tuttavia lo cede nuovamente in prestito in Serie B Catanzaro.

Caratteristiche tecniche e ruolo

Attaccante dotato di una buona struttura fisica, Giuseppe Ambrosino – 184 cm X 76 Kg – rappresenta il perfetto ruolo da prima punta, dotato di un ottimo scatto e abile nell’ 1 vs 1. Molto abile nel dribbling, inoltre, Ambrosino, come ulteriore punto di forza, possiede una grande capacità di movimento tra le linee. Pericoloso sui calci piazzati, soprattutto quelli indiretti, infine, il campano è sempre riuscito a mettere in evidenza la sua capacità di interagire con i compagni, rendendosi spesso protagonista di assist.

I numeri di maglia di Ambrosino

I numeri di maglia cambiati dal giocatore originario di Napoli, in rapporto al corposo numero di squadre nelle quali ha militato, con una costante: il numero 70. Napoli U17-20; Napoli U17-19; Napoli U17-18; Napoli U17-17; Napoli U17-16; Napoli U17-9; Napoli Primavera-21; Napoli Primavera-20; Napoli Primavera-9; Napoli Primavera-10; Napoli-70; Como-70; Cittadella-70; Catanzaro-70.

 

ANALISI AMBROSINO MOVIMENTI: US Catanzaro 1929.

Gioca come centravanti ma è bravo a svolgere anche il ruolo di seconda punta in quanto possiede un'ottima visione di gioco oltre a una buona tecnica. Fisico strutturato, forza nei contrasti, dribbling, bravo nello stacco di testa – come vediamo in immagine contro il Brescia nella gara di andata siglando 1-0, tiro micidiale, non fornendo punti di riferimenti agli avversari ripiegando diligentemente quando la squadra è in difficoltà.

Il napoletano è un giocatore tecnico che gli piace concedersi qualche scatto in 1vs1 o colpi di tacco e controlli particolarmente raffinati. Insomma, un profilo ideale per una squadra abituata a far passare la manovra dai piedi delle punte, e in cui gli attaccanti partecipano alle catene laterali.

Non si limita ad attaccare la porta, ma gli piace svariare sia con movimenti incontro, sia aprendosi verso le fasce.

 

LUCA D’ANDREA

 

Luca D'Andrea nasce a Napoli il 6 settembre 2004. Inizia a giocare nel Ponticelli, squadra del suo quartiere d'origine, per poi passare alla Mariano Keller e alla Scuola Calcio Azzurri di Torre Annunziata, e infine entrare nel settore giovanile della SPAL nel 2018. Qui, il trequartista resta fino al gennaio del 2022, quando viene acquistato dal Sassuolo, con cui firma il suo primo contratto professionistico. Nell'estate dello stesso anno, D'Andrea viene definitivamente aggregato alla prima squadra nero verde, guidata da Alessio Dionisi. Il 17 settembre seguente, esordisce fra i professionisti, partendo da titolare nella partita di Serie A vinta per 0-1 contro il Torino. Il 2 gennaio 2023, il giocatore rinnova il proprio contratto con la società emiliana fino al 2027.Il 1º agosto 2023, D'Andrea viene ceduto in prestito al Catanzaro, neopromosso in Serie B. Il 27 agosto seguente, dopo essere subentrato nel secondo tempo dell'incontro di campionato con la Ternana, all'89º minuto si procura un rigore, trasformato da Jari Vandeputte e decisivo ai fini della vittoria per 2-1 della sua squadra.

Caratteristiche tecniche e ruolo

Attaccante dotato di una buona tecnica individuale, Luca D’Andrea – 172 cm – rappresenta il perfetto ruolo da ala d’attacco o trequartista, dotato di un ottimo scatto e abile nell’ 1 vs 1. Molto abile nel saltare l’uomo, inoltre, D’Andrea, come ulteriore punto di forza è bravo nel converge da destra verso il centro, dove ha ampio spettro per andare a concludere o rifinire. Sa proteggere molto bene la palla nello stretto aiutato anche da un'eccellente abilità di conduzione della sfera.

I numeri di maglia di D’Andrea

I numeri di maglia cambiati dal giocatore originario di Napoli sono: Spal U17-16; Spal U17-20; Spal U17-10; Spal Primavera-24; Spal Primavera-23; Spal Primavera-18; Spal Primavera-10; Sassuolo Primavera-17; Sassuolo Primavera-10; Sassuolo 35; Catanzaro-7.

 

ANALISI D’ANDREA MOVIMENTI: US Catanzaro 1929.

Luca D'Andrea è un'ala destra che può giocare anche da trequartista/seconda punta. In questi mesi con la maglietta del Catanzaro il ragazzo è maturato moltissimo in entrambe le fasi di gioco possesso e non possesso. Partecipe al gioco di squadra di Vivarini, sua mancanza ad inizio stagione gioco palla individualmente contro gli avversari. Questa sua continua crescita ha portato il ragazzo ha vestire recentemente in campionato 3 maglie titolari contro Reggiana, Cosenza e Brescia.

 

Essendo mancino le cose migliori le fa quando converge da destra verso il centro, dove ha ampio spettro per andare a concludere o rifinire. 

 

Nel suo bagaglio, da quel che ho potuto vedere, va annoverata anche l'attitudine a cambiare gioco con la classica sventagliata da destra a sinistra in uno stile che ricorda un po' Domenico Berardi. Luca è meno strutturato fisicamente, ma sa proteggere molto bene la palla nello stretto aiutato anche da un'eccellente abilità di conduzione della palla.

 

L'approfondimento integrale insieme a pillole tattiche di match analysis, aneddoti e dati statistici, nel Settimanale in edicola o in formato digitale:

 

 

Niccolò Brancati

IlGiallorosso.info
Redazione
Tel +(39) 3338247197
redazione@ilgiallorosso.info

Articoli correlati (da tag)

Devi effettuare il login per inviare commenti

Prima pagina di oggi

Corriere dello Sport di oggi - Zoom

Gazzetta dello Sport di oggi - Zoom

Tutto Sport di oggi - Zoom


Publycon - Advertising