Interviste Primo Piano

“Match in salita, serve attenzione e scaltrezza”: l’analisi di Erra

banner

Nella settimana conclusa con la debacle interna contro il Lecce che – consentitecelo- ha impartito una lezione tattica e agonistica al Catanzaro-, non si è parlato d’altro che di “velocità nell’adeguarsi alla trama della partita”: ciò non è minimamente avvenuto, anzi, i giallorossi si sono dimostrati “molli” e prevedibili, in particolare nel primo tempo, una volta alle corde, patito il fulmineo doppio svantaggio. Salentini aggressivi fin da subito, tralasciando l’enorme potenziale tecnico di cui godono individualmente e non lo si scopre certo ora. <<Andare sotto dopo tre minuti, rende tutto più difficile. Paghiamo errori contro una squadra forte, che ci hanno “spenti”, ma nel secondo tempo abbiamo dato ciò che avevamo. Lecce nettamente più forte, non aveva certo bisogno di “regali” da parte nostra>>, ammette Alessandro Erra in sala stampa, prendendo coscienza di quanto l’impostazione data al lavoro settimanale si sia vanificata immediatamente, costringendo le Aquile a rincorrere il risultato, al punto di chiudere la prima frazione con ben tre gol sul groppone. Troppo.

<<Non dobbiamo fare l’errore di abbatterci – aggiunge il tecnico-. Il Lecce gioca per un altro obiettivo, come Catania e Trapani e contro certe squadre dobbiamo essere più attenti, più scaltri>>. La classifica recita “sette punti” e tre partite nel giro di pochi giorni, a cominciare dalla trasferta in Sicilia, sabato prossimo: <<Ci attendono tre gare importanti – osserva Erra-, perciò serve lasciare questa sconfitta alle spalle, coscienti degli errori commessi e consapevoli di dover fare di più. Niente da recriminare, ma c’è tanto dispiacere, specie per la gente che ci ha incitato sempre, fino alla fine>>.

Related posts

Di Chiara e Scuffia in prestito al Lecce

admin

Premio “Umberto Sacco”: il nostalgico ritorno di O’Rey Palanca a Catanzaro

admin

Catanzaro-Matera: info tagliandi

admin