Calcio Mercato

Mercato girone C: vari club distratti da vicende societarie

banner
Sticchi Damiani, Lecce

Primi giorni di mercato senza particolari sussulti nel girone C. Probabilmente i club sono alla ricerca, senza frenesia, dei colpi giusti, mentre altri, invece, sono evidentemente distratti da vicende societarie.

L’Akragas in questo momento è probabilmente tra i club maggiormente in difficoltà a livello societario: iscrittasi a fatica la scorsa estate, è di soli due giorni fa lo sfogo del Presidente del sodalizio biancazzurro, Sivio Alessi, che lamentava la solitudine nel peso organizzativo della squadra, cosa che lo ha portato in queste ultime ore a valutare la cessione anche seguendo piste straniere, tra le quali spicca una difficile trattativa con imprenditori iraniani, i quali, tra l’altro hanno dato forfait all’appuntamento previsto per ieri: incontro rinviato.

Madonia

Un’altra siciliana, il Siracusa, naviga non in buone acque, nonostante l’ottimo quarto posto in classifica, che rischia di essere compromesso dalla penalizzazione in arrivo (si parla di quattro punti) per il mancato pagamento degli stipendi relativo al il mese di dicembre. Sul fronte mercato, gli aretusei seguono la pista Madonia: l’ex giallorosso è pronto infatti a lasciare la Virtus Francavilla, dove non sembra trovare molto spazio, per fare ritorno nella sua Sicilia.

Altra squadra con problemi societari dagli sviluppi imprevedibili è la Paganese: penultimo posto in classifica, con il mercato che incombe e con l’esigenza di rinforzare un po’ tutti i reparti; tuttavia, a tenere banco è la posizione del patron Trapani, che ha già fissato una conferenza stampa per la prossima settimana per chiarire il futuro, da cui dipenderà probabilmente la sorte dei gioielli Francesco Deli e Pio Cecerelli, molto ricercati da altre società (su tutte Trapani e Casertana). Al momento l’unico scatto d’orgoglio che fa ben sperare, è la qualificazione ai Quarti di finale di Coppa Italia: prossima sfida prevista per febbraio.

Possibile rivoluzione in casa Racing Fondi: il club interverrà sul mercato alla ricerca di un difensore e di un centrocampista di spessore in grado di far raggiungere comunque la salvezza alla squadra di mister Giannini, nonostante la partenza, data per certa, di pezzi pregiati come il difensore De Leidi e gli attaccanti De Sousa e Serra.

Ripa

Altro obiettivo del mercato, per molte squadre è Caccavallo, tornato al Cosenza dopo sette anni: nonostante la scarsa vena realizzativa, il Catania di Lucarelli pare sia pronto a scommettere sull’attaccante di proprietà del Venezia; dal canto loro, gli etnei cercano uomini idonei per colmare il gap con la capolista Lecce: a fargli spazio in attacco, potrebbe essere Ripa, in estate dato molto vicino anche al Catanzaro. Ma il vero colpo del DG Lo Monaco potrebbe essere l’ex capitano della primavera del Milan, attuale centrocampista della Juve Stabia, Alessandro Mastalli. In partenza potrebbe essere l’attaccante Caetano Calil, che potrebbe accasarsi nella vicina Sicula Leonzio insieme a Ciro Foggia del Teramo: la squadra bianconera è infatti pronta a fare sensibili sforzi pur di ottenere la salvezza nella categoria appena conquistata. Per i Lupi di mister Braglia si prevede in ogni caso un gennaio molto attivo: ceduti in prestito Ludicelli e Stranges al Messina, tengono banco i casi Statella (in scadenza di contratto e per il quale suonano con insistenza le sirene della serie B, sponda Ternana) e Mendicino, la cui partenza è data quasi per certa con possibile destinazione Caserta e al cui posto arriverebbe Cristian Bunino, talento scuola Juventus attualmente in prestito all’Alessandria.

Cosenza

Il Lecce di certo non sta a guardare e farà di tutto per non farsi sfuggire, anche quest’anno, l’agognata promozione in serie cadetta: ne è consapevole il presidente dei salentini, Saverio Sticchi Damiani, che nelle ultime ore sta provando a chiudere una trattativa importante con il Cittadella per il forte trequartista italo-brasiliano Chiaretti, elemento di categoria superiore, mentre sul fronte cessioni, proverà a resistere alle offerte ricevute per Caturano e Cosenza, pilastri dei salentini.

Il Matera, attualmente al quinto posto in classifica, è in attesa di definire il posto di direttore sportivo prima di decidere le mosse del mercato di gennaio: dopo l’addio di Torma, sceso per sua scelta in Serie D con l’Audace Cerignola, il nome più gettonato è quello di Pasquale Lo Giudice, vecchia conoscenza delle Aquile ed ex operatore di mercato – tra le altre – di Juve Stabia e Fidelis Andria. Proprio i coratini per il momento hanno piazzato in casa forse il più importante colpo, prolungando il contratto fino al 2020, all’attaccante Michele Scaringella (uno dei più prolifici della categoria), visto che a dicembre era dato in partenza per una squadra di serie B, Ascoli o Bari.

Forte

Il Rende, vera sorpresa del girone C di Serie C, al momento ha il compito principale di difendere dagli assalti i propri prezzi pregiati, in vetrina nel girone di andata: su tutti il portiere Francesco Forte, sicurezza tra i pali e molto ricercato anche in serie superiore, nonché capitan Panbianchi allettato dalla Virtus Francavilla. L’impressione è che con l’obiettivo della salvezza ormai a portata di mano, il presidente Coscarella sia pronto a mollare la presa su qualche giocatore.

Nelle prossime ore sicuramente inizieranno a delinearsi gli scenari.

 

 

Danilo Ciancio

 

Related posts

Erra alla vigilia della Casertana: Dovremo essere molto determinati

admin

Il procuratore Maurizio Casilli: “Grandi rimane a Catanzaro”

admin

Aquile, Stefano Sanderra sarà il nuovo timoniere

admin