Probabile formazione

Tra poco Bisceglie-Catanzaro: in attacco una maglia per due

banner

Tira un sospiro di sollievo, Alessandro Erra, che ritrova Zanini e Marchetti dopo la squalifica, tranquillo della totale disponibilità, nel giro di qualche altro giorno, di Gambaretti; durante la settimana, infatti, è rientrato l’allarme sulle condizioni del numero 13 giallorosso, uscito per una distorsione alla caviglia con la Juve Stabia. Intanto, per precauzione, il tecnico lascerà in panchina il difensore giallorosso nel match odierno, onde evitare il riacutizzarsi del fastidio.

 

Non dovrebbe allontanarsi di molto da quello schierato contro le Vespe, l’undici che scenderà in campo al “Ventura” di Bisceglie, alle 18.30, contro la fresca e pimpante compagine allenata da Nunzio Zavettieri, che gioca sulle ali dell’entusiasmo e che per questo, potrebbe causare grattacapi alle Aquile. Prima della partenza, Erra aveva lasciato intravedere la possibilità di mutare l’assetto, specie per quanto concerne il reparto offensivo, in corso d’opera, ma, salvo sorprese dell’ultima ora, lo scacchiere del Catanzaro resterà il 4-3-3, con Zanini e Imperiale terzini e Sirri e Riggio, davanti al portiere Nordi: stando a quanto emerge, sebbene Marchetti sia tornato arruolabile (senza tener conto dell’assenza di Di Nunzio, sul quale si punterà molto, non appena recupererà), sarà ancora l’ex Akragas ad affiancare Sirri, nel pacchetto centrale. I tre di centrocampo, complice l’assenza di Van Ransbecck, saranno ancora Onescu e Benedetti in posizione di mezzala, con Maita libero di orchestrare in mezzo, sperando di ritrovarlo migliorato nella condizione e cresciuto psicologicamente, poiché il suo apporto è fondamentale e l’US non può prescindere dal miglior Maita.

Anastasi

In avanti, nonostante la mancanza di Infantino, Erra può permettersi di sfogliare la margherita, visti gli uomini dall’alto potenziale: tuttavia, sarebbe il caso di sfruttare appieno l’artiglieria di cui si dispone, senza concedere all’avversario troppa iniziativa, come accaduto a Reggio Calabria, due settimane fa. E’ molto probabile che i tre che condurranno l’attacco, saranno gli stessi di sabato scorso, ossia Puntoriere e Falcone al servizio di Letizia, ma non è escluso l’impiego dal 1′ di Anastasi, forse l’attaccante più pericoloso nei due scampoli di gioco a disposizione. Dunque, potremmo vedere anche Letizia e Falcone, a supporto dell’ex centravanti etneo. Il trainer si riserverà di sciogliere ogni dubbio poco prima del riscaldamento, anche per mantenere alta la concentrazione (e l’adrenalina) in chi spera in una maglia da titolare. Arbitrerà Paterna di Teramo, fischietto che ha diretto il Catanzaro al “Ceravolo” contro Taranto e Catania, la scorsa stagione.

Related posts

Tra poco Matera-Catanzaro: tandem di “ex”?

admin

Aquile, assenze e voglia di vincere: la probabile formazione

Cosimo Simonetta

La formazione “tipo” contro le Fere

admin