Il Punto Interviste Primo Piano

Preiti: “L’aiuto di tutti per il bene del Catanzaro. Il mio futuro? Parlerò a fine stagione”

banner

Antonello Preiti, rompe il silenzio. Il Direttore Sportivo del Catanzaro ha incontrato la stampa, nel pomeriggio, per analizzare la critica situazione del Catanzaro.

Esponendosi in rappresentanza della società giallorossa, Preiti ha in sostanza detto “tutto e niente”, senza sviscerare, cioè, nulla che già non si sapesse. Assumendosi gran parte delle responsabilità per questa stagione fallimentare, il DS tuttavia, puntualizza di non essere l’unico colpevole, evidentemente: a scendere in campo sono i giocatori, che hanno alternato buone prestazioni ad altre negativa; inoltre <<la sfortuna ci ha messo del suo. Non capita spesso di perdere una serie di incontri con un tiro in porta incassato, durante l’arco dei 90 minuti>>.

Preiti ha anche evidenziato come la piazza di Catanzaro non sia facile: <<Chiunque avrebbe trovato le sue difficoltà. Sui Tre Colli serve continuità ed equilibrio, nel fare dei progetti>>. Ad otto giornate dalla fine della stagione regolare, le Aquile rischiano paurosamente la retrocessione: una gestione approssimativa, culminata con numerosi esoneri ed avvicendamento di calciatori, è la prova di quanto si non si sia capito molto; sicuramente sono stati commessi dei gravi errori <<ma tutti in buona fede>>. Preiti, di conseguenza, sottolinea di non essere stato l’unico a decidere, nell’operare in sede di mercato e non solo; in ogni caso, la strada è molto lunga e le basi per costruire il futuro, si pongono adesso, a partire dal presente. Riavvolgendo il nastro, soffermandosi ai momenti salienti che hanno caratterizzato questa annata, ad inizio campionato si scelse di puntare su Spader, dopo vari confronti con i collaboratori e la rosa. Scelta, tra l’altro, mirata a non appesantire i bilanci. Successivamente alla sciagurata sconfitta nel derby, si sono seduti in panchina altri due allenatori (Somma e Zavettieri), prima del ritorno di Erra: no, la società ci ha veramente capito poco, non vi è stato un filo conduttore coerente, solo tanta confusione.

Così, ad un mese e mezzo dal termine, in una situazione complicatissima, il DS invoca <<l’aiuto di tutte le componenti per il bene del Catanzaro>>. Appare chiaro che il bel gioco non arriverà, ma le vittorie giungeranno solo con la giusta determinazione. Capitolo disciplinare verso alcuni elementi. Senza dubbio, verranno adottati dei provvedimenti verso Icardi, dopo la reazione al cambio, durante il match con il Monopoli. Il sentore che qualcosa incida pesantemente sulla sintonia nello spogliatoio, si percepisce in maniera lampante. Il Catanzaro ha bisogno di costruire un percorso con cautela e razionalità, mattone dopo mattone, per cui sono lontani altri palcoscenici, degni della storia della città. Servirà molta pazienza, perché l’attualità impone questa condizione delicata. Riguardo al suo futuro, Preiti è piuttosto sfuggente: si esprimerà all’indomani della fine della stagione.

 

 

Related posts

Catanzaro VS Virtus Francavilla – La Photogallery

admin

Erra rammaricato: “L’espulsione ha cambiato la partita”

admin

Giovanili. Weekend in casa, turno di riposo per gli Allievi

admin