Si gioca contro... Il Monopoli

Scritto da  Francesco Calvano Mag 01, 2021
1
Questo articolo contiene parole
Il tempo di lettura è di circa minuti.
Livello di difficoltà di lettura:

Si gioca col Monopoli e non a Monopoli. Non sarà infatti un gioco l’ultima di campionato del Catanzaro contro una squadra, quella pugliese, che pur avendo abbandonato ogni velleità di classifica, ci terrà a

onorare l’impegno. Ma le motivazioni dei giallorossi dovranno essere più forti: il Catanzaro che non dovrà essere parco della vittoria, affronta quest’ultima fermata nelle stazioni del campionato e vuole arrivare ai playoff senza passare dal via di altri spareggi fino alla fine del mese.


LA STORIA
Una sensazione che, nonostante tre playoff negli ultimi anni, il Monopoli non hai mai provato essendosi fermata sempre troppo presto e avendo così inibito i sogni di una piazza abituata alla serie C, di cui è una delle massime rappresentanti. Una classica squadra di categoria che ogni tanto tenta il miracolo sportivo ma senza pressione o volontà di dover per forza vincere.

I PRECEDENTI
Tutto il contrario del Catanzaro a cui di certo questa categoria sta scomoda. Ma questa è la realtà e i numerosi scontri diretti con il Monopoli mettono davanti gli occhi la realtà, da affrontare, si spera, come i precedenti al “Ceravolo”. Perché i numeri sono a favore delle Aquile nel passato: su 15 vittorie 10 successi, e 4 sconfitte e un solo pareggio, di rigore nella stagione 2016/2017, stesso risultato, tra l’altro della gara di andata di questo campionato. L’ultima volta sui Tre Colli invece fu sconfitta rocambolesca poiché le Aquile vincevano 1-0 fino all’80esimo e uscirono sconfitti. Fu la “vendetta” sportiva di quanto successo l’anno prima quando Signorini suggellò il successo delle Aquile. Altro successo del Monopoli, invece nel 2016 quando, Croce e Ferrara ribaltarono l’iniziale vantaggio di Agodirin.

GLI EX
Non c’erano in questa partita ma sicuro nelle altre i tre ex sponda Monopoli del match. Il più ricordato sicuramente Alvaro Iuliano, brasiliano perno a sorpresa del centrocampo di Auteri tra i più apprezzati tra i recenti calciatori giallorossi. Come può essere anche considerato il difensore mai esploso Cristian Riggio e quello che doveva essere il talento: Manuel Nicoletti. Tutti e tre ci hanno provato a lasciare il segno a Catanzaro ma per diversi motivi non ci sono riusciti.

IL MOMENTO ATTUALE
Ci sono riusciti a Monopoli dove hanno ottenuto la salvezza, obiettivo dichiarato a inizio stagione, ma che come sempre camuffa la voglia di raggiungere i playoff, traguardo sfumato definitivamente la scorsa giornata dopo la sconfitta contro la capolista Ternana. Una partita che ha rappresentato appieno la stagione biancoverde: altalenante. Col Catanzaro l’ultimo atto, prima del rompete le righe; una partita in cui non potranno scendere in campo gli indisponibili Piccinni, Steau e Satalino oltre a Soleri e Riggio Da valutare invece Nicoletti e Bizzotto. Per il resto l’undici di mister Giuseppe Scienza a Catanzaro dovrebbe essere così schierato col classico 3-5-2 composto da: Taliento; Guiebre, Arena, Mercadante; Viteritti, Zambataro, Vassallo, Paolucci, Liviero; Soleri, Bunino.

  • 0
  • 0
  • 0
  • 0
  • 0
  • 0
Devi effettuare il login per inviare commenti
Publycon - Advertising