La formazione delle Aquile scesa in campo contro il Lecco La formazione delle Aquile scesa in campo contro il Lecco

Girandola di emozioni al "Ceravolo", le Aquile battono 5-3 il Lecco

Scritto da  Gen 12, 2024
Questo articolo contiene parole
Il tempo di lettura è di circa minuti.
Livello di difficoltà di lettura:

Catanzaro-Lecco si conferma una gara mai banale, come all'andata ricca di gol ed emozioni e la spuntano ancora le Aquile con un 5-3 scoppiettante che fino alla fine ha lasciato col fiato sospeso gli 8000 del "Ceravolo". Inizia con una vittoria il 2024 giallorosso.

Per questo primo appuntamento dell'anno, Aquile costrette a rinunciare ad Andrea Ghion, al suo posto Pontisso. Di contro il recupero di capitan Iemmello che torna al centro dell'attacco. Ospiti con oltre 200 tifosi al seguito, compatti e rumorosi al centro della "Mammì". Al 5' primo angolo della gara per il Catanzaro, proprio sotto la "Capraro", sugli sviluppi duplice tentativo di Iemmello senza fortuna. Aquile ben determinate, provano a mettere pressione alla difesa del Lecco e Biasci ha una buona occasione in area di rigore ma il tiro è debole e intercettato. Ancora Iemmello al quarto d'ora , fa tutto bene ma la conclusione non impensierisce Melgrati che blocca a terra. Scatenato il capitano che sfiora ancora il gol dopo uno scambio di prima con Biasci. E' il preludio del gol che arrivas sugli sviluppi di un calcio angolo guadagnato e battuto dal solito Vandeputte, sul secondo palo ben appostato VERNA che al volo insacca tra palo e portiere: al 19' è 1-0 per il Catanzaro. Ma il vantaggio dura poco perchè nel giro di 5 minuti il LECCO ribalta il risultato: DI STEFANO al 25' lasciato libero di concludere supera Fulignati e segna l'1-1, poi quattro minuti dopo LEMMENS finalizza di testa un cross dalla sinistra e realizza il 2-1. Il Catanzaro prova a reagire con una discesa di Sounas sulla destra, palla all'indietro per Vandeputte, Melgrati si supera e salva in angolo. Finale di tempo dove il Catanzaro prova a raddrizzare la gara ma le conclusioni sono infruttose. 

E la ripresa inizia nel segno di SOUNAS: il greco riceve da Iemmello in area di rigore si gira e fulmina Melgrati per il 2-2 che arriva dopo appena tre minuti dall'inizio della ripresa. Ma è un altro Catanzaro in questo secondo tempo che al 51' segna il 3-2: cross dalla sinistra di Vandeputte e bomber IEMMELLO anticipa tutti per il tap-in che vale il 3-2. Ma Catanzaro e Lecco, come all'andata non è una partita banale e il Lecco segna immediatamente il 3-3 con NOVACOVICH che stacca di testa e supera Fulignati. Vivarini inserisce Pompetti e Situm nell'ultima mezzora. Ci mette del suo anche Maresca che non fischia un fallo su Brighenti lasciando segnare il gol all'attaccante del Lecco, salvo poi ravvedersi probabilmente con l'aiuto del VAR. Ma a conferma che non è una gara banale, SOUNAS conclude in rete di testa un cross di Iemmello e segna il 4-3.  Mancano 20 minuti ma la gara non sembra affatto finita e Krajnc rischia il rosso per un fallo da ultimo uomo, Maresca estrae il giallo. Bello lo striscione dei tifosi del Lecco dedicato al tifoso giallorosso Mimmolino scomparso di recente. Vivarini apporta ancora modifiche nella speranza di resistere l'ultimo quarto d'ora, dentro anche Ambrosino, Stoppa e Krastev. E proprio Stoppa ha l'occasione per allungare ma si fa parare la conclusione quasi a botta sicura. Nel finale è BIASCI a mettere i tre punti al sicuro, segnando di rapina il 5-3, gol meritato dell'attaccante giallorosso che è stato tra i migliori in campo.

Finisce dopo 7 minuti di recupero una partita entusiasmante e ricca di colpi di scena, i 22 in campo hanno onorato questo inizio del girone di ritorno e il Catanzaro conquista la sua prima benaugurante vittoria del 2024.

Danilo Ciancio

IlGiallorosso.info
Redazione
Tel +(39) 3338247197
redazione@ilgiallorosso.info

Devi effettuare il login per inviare commenti
Publycon - Advertising