La formazione giallorossa scesa in campo contro il Bari La formazione giallorossa scesa in campo contro il Bari

Nella nebbia del "Ceravolo", le luci di Vandeputte e Iemmello

Scritto da  Feb 27, 2024
Questo articolo contiene parole
Il tempo di lettura è di circa minuti.
Livello di difficoltà di lettura:

Un Catanzaro pragmatico e cinico, ha la meglio su un Bari che cade sotto i colpi dei giocatori più importanti del Catanzaro, Vandeputte e Iemmello. Aquile che si preparano al meglio al derby di domenica.

Un'inaspettata nebbia fitta è di contorno allo stadio "Ceravolo", quasi 10 mila spettatori di cui 750 ospiti in questa classica del sud tra Catanzaro e Bari. Brighenti si riprende il posto in difesa complice la squalifica di Scognamillo, Krajnc è il terzo di difesa. Partenza forte del Bari che va vicinissimo con Menez al gol, reattivo Fulignati coi piedi a respingere in angolo. Sul capovolgimento di fronte Ambrosino si procura una punizione dai 20 metri: VANDEPUTTE è chirurgico nella conclusione, palla all'incrocio e Catanzaro al 4' in vantaggio per 1-0. Giallorossi che acquistano fiducia e al 10' vicinissimi al raddoppio con Iemmello che fa tutto da solo, si inserisce in area , conclusione che fa la barba al palo e termina fuori. Nell'occasione difesa del Bari ferma, emergono tutti i limiti. Col passare dei minuti, aumenta il vento che dirada un pò la nebbia e rende più visibile gli undici in campo. Bari che prova a reagire e prima Nasti con una perfetta torsione in area di rigore sfiora il palo, poi Matino da fuori area conclude potente ma sopra la traversa. Azione bellissima al 26' costruita dal basso con Fulognati, Petriccione che si fa spazio e imbecca Ambrosino sulla fascia, grande giocata con l'esterno per l'accorrente Sounas che conclude però male da ottima posizione fallendo il 2-0. Nel final di tempo paura per Brighenti costretto alle cure per un colpo alla fronte, costretto a far ricorso alle cure. 

Ripresa con la novità Oliveri che prende il posto di Sounas. Come in avvio di gara il Bari parte forte alla ricerca del pareggio e il pressing alto esercitato porta buoni frutti, con la nebbia che inizia a fare capolino sul "Ceravolo".  Al 54' punizione di Pucino dalla stessa posizine con cui Vandeputte ha portato in vantaggio il Catanzaro, ma la conclusione non è precisa come quella del belga. Ci prova anche Lulic dalla distanza, attento Fulignati blocca in presa alta. Ancora Bari che è partito bene in questa ripresa e prova a schiacciare il Catanzaro in area di rigore, prima Ricci poi Sibilli impegnano di nuovo il portiere giallorosso.  Primo quarto d'ora della ripresa solo Bari. Ambrosino prova a scuotere i suoi e fa tutto da solo saltando tre avversari, conclusione murata dalla difesa all'ultimo. Vivarini si accorge della necessità di forze fresche e inserisce Pompetti e Miranda per Antonini e Petriccione. Ma il bari si fa sempre più pericoloso e Di Cesare colpisce la traversa al termine di un'azione insistita. Ma nel momento migliore del Bari, il Catanzaro al 78' raddoppia: ottima verticalizzazione di Pompetti per IEMMELLO che salta anche il portiere e segna il 2-0 accompagnato dal boato dello stadio. Un Catanzaro nella ripresa quantomai cinico, senza strafare riesce ad affondare il colpo col suo giocatore più importante Pietro Iemmello. Bari che prova con tutte le forze a rientrare in partita, ma la generosità dei galletti non è premiata. Nei 4 minuti di recupero non accade niente di significativo, tranne un giallo a Benali per un'entrataccia su Pontisso, poi spazio solo alla curva "Capraro" che inizia a riscaldarsi per il derby di domenica.

 

Danilo Ciancio

IlGiallorosso.info
Redazione
Tel +(39) 3338247197
redazione@ilgiallorosso.info

Devi effettuare il login per inviare commenti
Publycon - Advertising