Luca D'Andrea e Andrea Oliveri Luca D'Andrea e Andrea Oliveri

Giallorossi al lavoro, per il quinto posto è lotta tra Aquile | Il Punto

Scritto da  Giuseppe Mangialavori Mar 22, 2024
Questo articolo contiene parole
Il tempo di lettura è di circa minuti.
Livello di difficoltà di lettura:

Sosta di lavoro per la squadra di mister Vivarini, domani amichevole col Sambiase per non perdere il ritmo gara. A Parma forse con Ghion e con un D'andrea da recuperare

Al rientro dopo la sosta per la Nazionale, sarà sicuramente avvincente il duello tra Aquile, quelle rosanere di Corini e quelle giallorosse di Vivarini, per un quinto posto da conquistare al termine delle ultime otto gare. Qualunque sia l’esito, una cosa è certa, il Catanzaro continua nel suo processo di crescita e il mago di Ari mette a punto i meccanismi di una squadra che anche a Brescia ha dimostrato di non temere nessuno e saper proporre il proprio gioco. I giallorossi avrebbero potuto conquistare l’intera posta in palio grazie ad una prestazione elevata soprattutto nel primo tempo, sempre proiettati verso la porta difesa da Avella. Cresce anche D’Andrea, peccato solo per l'infortunio al ginocchio in Nazionale, per quanto sembri di lieve entità e destinato ad essere recuperato in breve tempo. A dipingere l’assist che ha permesso a Biasci di battere l’estremo difensore di casa, un magistrale Petriccione che sempre più veste i panni di regista e fonte di gioco. Il goriziano, oltre a macinare chilometri, ha giocato senza risparmiarsi prodigandosi anche negli interventi difensivi e recuperi a tutto campo. Una bella rivelazione per un professionista sul quale certamente si potrà fare affidamento per il futuro, in attesa di Ghion che sembra pronto al rientro in quel di Parma.

Il Catanzaro riaggancia così il Palermo, in un’altalena sempre più entusiasmante in classifica, nel pieno equilibrio di un campionato dove le "big" stentano, la Cremonese cade a Bolzano e il Como ha avuto la meglio sul Pisa solo grazie a episodi. In questa serie B nulla è preventivabile, per cui sposiamo in toto la frase ripetuta anche nella sala stampa del Rigamonti da Vivarini: “mai dire mai” …! Malgrado il diniego ad assistere al match imposto ai residenti a Catanzaro e provincia, sugli spalti si è celebrata una fantastica giornata di sport che ha esaltato il gemellaggio tra le tifoserie e il gioco in campo. Eco evidente di quanto detto, gli output sui social dei tifosi bresciani che hanno ringraziato i supporters giallorossi per la condivisione fraterna. Esattamente l'opposto di quanto accaduto qualche settimana prima nel derby del San Vito-Marulla, dove i media continuano a confezionare una campagna di disinformazione sui disordini, nell’oblio le parole di chi pretenderebbe il rispetto delle norme deontologiche da parte di chi è iscritto all’Ordine Nazionale dei Giornalisti che ,in quanto tale, è tenuto a “correggere senza ritardo errori e inesattezze, anche in conformità al dovere di rettifica nei casi e nei modi stabiliti dalla legge” (art. 4 del Codice Deontologico O.d.G.). La violenza va condannata sempre e non ha colore, parimenti non è dato mettere il bavaglio alla verità, tantomeno da parte di chi dovrebbe ossequiarla per il ruolo che ricopre.

La pausa del campionato di questo fine settimana, non equivale a pausa dal lavoro per i ragazzi di Vivarini che sabato ospiteranno al "Ceravolo" (inizio 14.30) un Sambiase che nella sua categoria di Eccellenza sta facendo molto bene. Un allenamento congiunto importante per testare i meccanismi che saranno utili per le prossime 8  gare di campionato, dove il Catanzaro avrà come primo obiettivo la conquista del quinto posto e poi...si vedrà.

Al rientro,  i giallorossi saranno proiettati nella trasferta più impegnativa della stagione, in casa della capolista Parma. nel giorno di Pasquetta. Una gara quella del "Tardini", attesa sin da quello “0-5” d'andata, alquanto eccessivo per i valori visti in campo. Una partita adeguatamente attenzionata nonché evidenziata in agenda da mister Vivarini, dal suo Staff e dai suoi uomini, che saranno più che motivati a dimostrare il proprio valore. Una Pasquetta che certamente vedrà il “Tardini” gremito in ogni posto dalla tifoseria giallorossa se lasciata libera di esprimere il proprio calore, con un Ghion che dopo il brutto infortunio muscolare si appresta al rientro in gruppo nella trasferta in casa della capolista, un grande recupero in vista del rush finale.

E allora, avanti tutta Catanzaro!

Devi effettuare il login per inviare commenti
Publycon - Advertising