Uscita dalla Curva a fine gara Uscita dalla Curva a fine gara

Il Punto | Aquile in perfetta tradizione play off!

Scritto da  Giuseppe Mangialavori Giu 03, 2021
1
Questo articolo contiene parole
Il tempo di lettura è di circa minuti.
Livello di difficoltà di lettura:

Il coraggio di osare a volte può tendere la mano alla fortuna che si sa, aiuta gli audaci

Partiamo subito da come ci siamo arrivati a questi play off: una condizione atletica sembrata approssimativa, un attacco sterile e una difesa che in questo campionato ha rappresentato il vero punto di forza, orfana di un protagonista assoluto. La dea Bendata in queste condizioni ti può dare una mano per raggiungere l’obiettivo ma non può fare miracoli. Il Catanzaro nella gara di ritorno contro l’Albinoleffe è sceso in campo confuso e stanco, le scelte iniziali hanno lasciato perplesso anche lo stesso Calabro che ha provato in corsa ad aggiustare il tiro. Lo spartito è stato quello più volte visto: staffette scontate e scelte non sempre comprensibili, magari a vantaggio di un gruppo che è stato in grado di raggiungere il secondo posto e che si è voluto preservare fino alla fine.

I calciatori giallorossi sono sembrati arrivare ai playoff a gomme sgonfie. L’assenza di Martinelli per un infortunio iniziato a fine campionato e la gestione del post intervento di Ciccio Corapi, hanno lasciato perplessi ma soprattutto fatto mancare alle Aquile elementi di qualità e di esperienza che alla fine sono stati determinanti nell’infelice epilogo. Curiale malgrado prestazioni non sempre all’altezza è stato confermato nell’undici iniziale, mentre i vari Molinaro, Jefferson ingaggiati con la campagna invernale sono stati utilizzati solo per pochi minuti. L’indecisione fatale di Di Gennaro ha infine permesso ai lombardi di espugnare il “Nicola Ceravolo” in perfetta tradizione play off per i giallorossi e portare a casa la qualificazione alle semifinali. La fortuna aiuta gli audaci recita il detto, per questo a volte bisognerebbe osare ed avere il coraggio di cambiare. Ed ora, come spesso accade da più anni, tutti a leccarsi le ferite e a pianificare il prossimo campionato con pretendenti alla promozione ancora più agguerrite, senza pensare al derby col Cosenza.

Ciò detto sono d’obbligo i ringraziamenti per una stagione che ha visto gli uomini di Calabro posizionarsi alle spalle della capolista Ternana caduta una sola volta proprio contro i giallorossi. Ed una nota di merito va data al Direttore Generale Foresti vero e proprio “top player” della società giallorossa: ha profuso ogni sforzo e dato tutto se stesso per la causa giallorossa, dimostrando con i fatti di essere il vero collante di tutte le componenti. La proprietà farebbe bene a blindarlo affidando a lui il Catanzaro del futuro soprattutto per ciò che concerne una più efficace organizzazione comprensiva di quei tasseli, calcistici e non, che sono fondamentali per il raggiungimento di obiettivi prestigiosi. Chi ha tempo non aspetti tempo, il prossimo anno sarà il quinto della proprietà Noto: il sole prima o poi deve tornare a splendere, avanti tutta Catanzaro!

Articoli correlati (da tag)

Devi effettuare il login per inviare commenti
Publycon - Advertising