Diario da Moccone: parla Bearzotti, si rivede Di Piazza

Scritto da  Ago 04, 2021
Questo articolo contiene parole
Il tempo di lettura è di circa minuti.
Livello di difficoltà di lettura:

Doppia seduta dopo il pomeriggio di riposo presso l’impianto di Moccone, dove la truppa giallorossa continua a lavorare.

Prosegue quindi la marcia d’avvicinamento all’impegno di Coppa Italia che vedrà il Catanzaro affrontare il Como, al “Piola” di Novara.
Intanto, mentre continua la ricerca della punta e del play, cioè di colui che dovrà accendere la lampadina dell’impostazione (non si molla, infatti, la pista che porterebbe a Cinelli del Vicenza), si rivede Di Piazza, aggregato alle Aquile ma solo di passaggio, in attesa di una sistemazione, proprio come Mangni.


Enrico Bearzotti ha avuto modo di presentarsi, seppur attraverso i canali ufficiali dell’US, esprimendo tutti i suoi buoni propositi: “Voglio dare il massimo per questa storica società, appena si è presentata l’occasione l’ho colta e nel giro di qualche giorno siamo arrivati alla chiusura della trattativa”, rivela l’esterno ex Modena. Dopo una breve parentesi a Cosenza, per Bearzotti è la seconda esperienza nel girone meridionale e ciò non può che stimolarlo, pur consapevole della concorrenza agguerrita sulle fasce: “Ho ricoperto ruoli da esterno alto a terzino, ma prediligo la fase offensiva”, ammette il 24enne friulano.
Altra figura nuova, ma in questo caso dello staff, quella di Pasquale Visconti, preparatore dei portieri, sulle cui competenze aveva avuto modo di esporsi già Branduani, rivelando di trovarsi a suo agio con la metodologia di lavoro del nuovo preparatore: “Il ruolo del portiere oggi si è evoluto – analizza l’ex Avellino e Savoia, che con Calabro ha già avuto modo di lavorare -. Durante gli allenamenti si lavorava a parte, salvo essere coinvolti solo per le partitelle, una volta. Oggi invece c’è il costante confronto con l’allenatore che ha determinate richieste. Il portiere partecipa esattamente come tutti gli altri calciatori alle manovre impostate dal basso, quindi serve lavorare sulla tecnica, migliorando il controllo con i piedi”. E sulla competizione per la difesa dei pali, osserva: “Sta al preparatore mantenere equilibrio, stabilire il rispetto reciproco tra il portiere titolare e chi scalpita per avere la sua chance”. Anche oggi, infine, il programma prevede una doppia seduta.

 

 

Cosimo Simonetta

IlGiallorosso.info
Redazione
Tel +(39) 3756261191
redazione@ilgiallorosso.info

Articoli correlati (da tag)

Devi effettuare il login per inviare commenti
Publycon - Advertising