Si gioca contro ... la Virtus Francavilla

Scritto da  Francesco Calvano Mar 12, 2021
1
Questo articolo contiene parole
Il tempo di lettura è di circa minuti.
Livello di difficoltà di lettura:

Tornare a vincere, a segnare e a sognare. Il Catanzaro che torna al “Ceravolo” dopo un riposo, finalmente, lungo, ha un solo obiettivo: tre punti. La classifica corta, davanti e indietro, impone un successo che, in virtù delle altre gare e di alcuni scontri diretti, potrebbe dare una spallata al campionato.

Farlo non sarà facile, come sempre, ma la Virtus Francavilla che si presenta a Catanzaro è forse la meno forte degli ultimi anni.

LA STORIA
Si, perché i pugliesi da quando sono diventati “prof”, hanno stupito tutti. Da quando le due società calcistiche cittadine, la G.S.D. Virtus Francavilla e la A.S.D. Francavilla Calcio si sono fuse, dando vita all’attuale compagine societaria, infatti la squadra si è sempre qualificata ai playoff. Ma anche in serie D era una bella realtà, tanto da conquistare 4 coppe di categoria.

I PRECEDENTI
Ma è stato senza dubbio in serie C che i biancazzurri hanno lasciato il segno. Certo, nessun risultato concreto, ma tante partite che resteranno nella storia. Come l’ultimo successo a Catanzaro di due stagioni fa quando, al termine di una partita rocambolesca, s’imposero per 3 – 2. All’epoca il Francavilla era un vero e proprio tabù per il Catanzaro che non era mai riuscito a vincere contro i pugliesi, visto che oltre questa sconfitta in precedenza c’erano stati due pareggi: 0-0 nel 2016, 1-1 la stagione successiva. Lo scorso anno per fortuna però il Catanzaro finalmente riesce a sconfiggere il Francavilla con un 3-1 senza appello con Fischnaller, Bianchimano e Di Livio a ribaltare il vantaggio di Vazquez. Sembra una vita fa, è passato poco più di un anno e nel mentre c’è stata anche la gara di andata, terminata 1-1.

GLI EX
Gara speciale quella per Antonio Calabro, gara speciale anche questa di domenica per l’allenatore che ha portato i pugliesi in serie C e dato la prima gioia tra i “prof” alla gara d’esordio, guarda casa contro il Catanzaro. Emozioni meno intense ma comunque forti per Andrea Risolo, due stagioni in Puglia. Percorso inverso per Francesco Pambianchi e Francesco Puntoriere, ai quali quest’anno si è aggiunto Nicola Ciccone

IL MOMENTO ATTUALE
Ci saranno anche loro e saranno determinanti in questo incerto finale di stagione per la Virtus Francavilla. Incerto perché ancora poco chiaro: 5 punti dai playoff, gli stessi dai playout. Una classifica che parla di una squadra poco protagonista in questa stagione e con risultati altalenanti. Nelle ultime 5 gare, ad esempio, ha fermato la Ternana sull 1-1 ma ha perso ad esempio il derby con il Monopoli. In generale poi gli uomini di mister Trocini non vincono dal 3 febbraio, quando superarono a domicilio la Vibonese. Un lungo periodo di stop che ha rallentato una corsa playoff mai veramente vicina per una compagine che per uomini e ambizioni aveva questo come obiettivo minimo. Ancora, come detto, tutto è possibile ma le gare cominciano a scarseggiare e la forma non sembra delle migliori benchè il pareggio contro la capolista della scorsa settimana. Gara che ha lasciato buone indicazioni anche sull’undici, molto simile, che scenderà in campo al “Ceravolo” che dovrebbe schierarsi col classico 3-5-2 così composto: Costa; Celli, Pambianchi, Caporale; Giannotti, Tchetchoua, Zenuni, Castorani, Nunzella; Ciccone, Vazquez.

  • 0
  • 1
  • 0
  • 0
  • 0
  • 0

Articoli correlati (da tag)

Devi effettuare il login per inviare commenti
Publycon - Advertising