Al “Renzo Barbera” va in scena il festival della mediocrità.

La sfida di domani contro il Palermo è “una partita di cartello, ma è soprattutto un confronto con una squadra molto forte ed è importante dare risposte in campo”.

Vincere aiuta a vincere, indipendentemente dalla posta in palio.

“Quella contro il Catania è una partita a cui teniamo molto, puntiamo al passaggio del turno”.

Secondo pareggio consecutivo nelle prime tre partite per il Catanzaro che, contro il Potenza, ha offerto un’altra prova incolore, specialmente nel primo tempo.

Il Catanzaro rallenta al “Viviani” di Potenza pareggiando contro il modesto Picerno, vedendo vanificare così l'ambizione di trovarsi a punteggio pieno alla seconda di campionato. 

“Se vogliamo dimostrare di essere una grande squadra come dicono molti osservatori, dobbiamo farlo soprattutto sotto l’aspetto mentale, perché in questa categoria spesso la tattica e la tecnica vengono equiparate dall’agonismo.

Se è vero che “chi ben comincia è a metà dell’opera” è altrettanto vero che “una rondine non fa primavera”.

Campionato finalmente al via per le Aquile di mister Antonio Calabro, che domani al Ceravolo debuttano contro la Virtus Francavilla.

Publycon - Advertising