Il Punto Primo Piano

“Qualcuno salvi il Catanzaro”: scenari grotteschi ma… plausibili

banner

Qualcuno salvi il Catanzaro.

Paradossalmente, all’indomani dell’agognata salvezza ottenuta nel doppio confronto con la Vibonese, soffrendo e faticando, è finita la pace per i tifosi giallorossi, benché quest’anno non sia mai stato possibile, stare sereni! Come si suol dire, “di male in peggio”! L’inchiesta “Money Gate” che ha coinvolto il presidente Giuseppe Cosentino e altri membri della GiCos, è stato un fulmine a ciel sereno per una città che aveva tirato un sospiro di sollievo, al termine di una stagione che, definire travagliata è riduttivo. La permanenza in Lega Pro, maturata sul campo, in alcuni momenti del campionato sembrava un traguardo impossibile; invece di festeggiare, i supporters delle Aquile, al risveglio, lunedì 29 maggio, si sono ritrovati catapultati in questa realtà allarmante, senza capire “come”.

Ma andiamo con ordine. Dopo le richieste avanzate dai legali, gli avvocati Infantino e Rondinelli, la vicepresidente Gessica Cosentino, ha ottenuto il potere di firma, ricevendo la delega dal padre, quantomeno per ottemperare alle prime scadenze fiscali, decisivi per il futuro dell’US.

È difficile, al momento, fare luce su ciò che sta accadendo e  chiarire quali scenari futuri possano aprirsi.

Innanzitutto, si potrebbe auspicare l’iscrizione da parte della famiglia Cosentino alla prossimo torneo: una volta formalizzata, potrebbero avviarsi delle trattative con potenziali acquirenti, interessati all’acquisizione del club. Ci sarebbe su questo versante l’indiscrezione secondo cui alcuni imprenditori starebbero vagliando questa eventualità. A dire il vero, sarebbe ipotizzabile una gestione simile a quella di Ceravolo (sperando di non risultare blasfemi o irriverenti, nell’azzardare il paragone), ossia, un presidente attorno al quale roteerebbero altri imprenditori della città, detentori di quote di minoranza. Appunto, lo snodo potrebbe essere proprio questo: chi ricoprirebbe il ruolo di massimo dirigente? Il Catanzaro Calcio, si sa, genera una pressione enorme su chiunque. Sembra improbabile, ad oggi, un uomo solo al comando: quindi, qualora la società dovesse essere veramente ceduta, a rilevarla sarebbero più figure.

Bisogna prendere anche in considerazione lo scenario forse più assurdo, ma comunque concreto: se la famiglia Cosentino restasse al timone? Difficile, ma possibile. Ovviamente, il presidente Cosentino non regalerà la squadra “a costo zero”, su questo ci sentiamo di mettere la mano sul fuoco. In tal senso, si vocifera di una cifra che superi il milione di euro.

Capitolo iscrizione al campionato. Al netto dei limiti e dei problemi contingenti, crediamo che Cosentino abbia intenzione di onorare gli impegni assunti, anche per chiudere, fiscalmente, la stagione appena passata, con l’iter per ottenere l’agibilità del “Ceravolo” avviato. Ma se l’US non verrà iscritto al prossimo campionato di Lega Pro, ogni altro tipo di discorso decadrà. Solo in un momento successivo all’iscrizione si potrà parlare di possibili cessioni e vendita della società.

Ipotesi, voci, niente più. Per ora nulla di concreto in un futuro incognito. D’altra parte, nessuno si espone, anche se… a prendere corpo, in questi ultimi tempi, con preminenza, è l’ipotesi del ritorno – udite e udite- di Claudio Parente, ex presidente dell’US Catanzaro, ricordato più per lo sciagurato fallimento, che per la cavalcata verso la Serie B. Idea che fa correre un brivido lungo la schiena, rigettata senza pensarci, da molti e che, invece, stuzzica la mente di altri.

In tutto ciò, nel mentre il Capoluogo di regione si trova nel pieno della bagarre elettorale, verso il ballottaggio di domenica 25 giugno, pare che proprio il sindaco Sergio Abramo, stia facendo quadrato tra diversi imprenditori, per individuare una soluzione alternativa alla figura di Cosentino. Tra i papabili, dunque, anche Claudio Parente, per un ritorno paragonabile all’epilogo di una sceneggiatura “tragicomica”… o di un film horror, fate voi.

 

Related posts

Agodirin: “Tra due settimane sarò al top”

admin

Cosentino getta la spugna. E’ finita?

admin

SI GIOCA CONTRO… La Salernitana

admin