Il Punto Interviste Primo Piano

Sabato nel post-gara: “Ennesimo bonus sprecato, ma ci siamo ancora”

banner

Tanta “voglia di fare”, generosità e spirito di sacrificio, nonostante una caviglia a pezzi: è questo Roberto Sabato, elemento traino del gruppo, per esperienza e carisma.

L’ex Alessandria, intervenuto in sala stampa al “Granillo” dopo una buona prestazione personale, analizza le dinamiche del match con gli amaranto, senza allontanare quelle che sono le responsabilità della squadra: <<Anche oggi abbiamo pagato a caro prezzo gli errori. Abbiamo sempre i migliori propositi, ma alla fine portiamo a casa poco – osserva Sabato-. A differenza della Reggina, ci è mancata furbizia nel secondo tempo e quella voglia di essere incisivi e cattivi nella prima frazione, quando abbiamo creato molto, senza concretizzare. Il problema è che fatichiamo negli ultimi metri>>, ammette il terzino sinistro giallorosso, evidenziando il principale limite che ha segnato il cammino del Catanzaro.

Ripercorrendo i momenti salienti della gara, analizza Sabato: <<Facendo girare palla sugli esterni nel primo tempo, si arrivava quantomeno a crossare dal fondo; nella ripresa il gol ci ha tagliato le gambe. Siamo qui a parlare del nulla, perché contano i fatti e anche oggi abbiamo sprecato un bonus troppo importante>>. Schiettezza e piena consapevolezza dei propri errori, in sintesi.

Dunque, le Aquile proprio non riescono a trovare continuità di risultati, sebbene le uscite con Stabia, Catania e Foggia, avessero lasciato intravedere la fine del tunnel: <<Per quanto è emerso ultimamente, ci esprimiamo meglio affrontando squadre superiori. Oggi, forse, abbiamo cercato la soluzione personale, mentre nelle ultime gare si è vista più compattezza e attenzione. Pur avendo fallito tutti i bonus a disposizione, siamo ancora là>>, afferma il numero 13 dell’US, sottolineando l’atteggiamento della squadra, diverso da Melfi e Taranto. Cuore, orgoglio, anche un po’ di fortuna: il Catanzaro deve appellarsi a tutto ciò, per riemergere dalle secche, ma ad oggi sembra improbabile una salvezza diretta. I punti sperperati contro avversarie modeste, pesano come macigni.

 

Cosimo Simonetta

 

Related posts

Arrivederci Assisi, Moriero soddisfatto del lavoro svolto

admin

Ora è ufficiale: Carmine Donnarumma nominato Direttore Generale dell’US

admin

Onoratela sempre

admin