L'avversario di turno Primo Piano

SI GIOCA CONTRO… Il Lecce

banner

us lecceSeconda partita casalinga consecutiva per il Catanzaro. Quando ad agosto fu reso noto il calendario, nell’ipotizzare l’importanza di questa doppia sfida, prevedevamo un “Ceravolo” stracolmo, perchè immaginavamo due match clou per la Serie B. La realtà nuda e cruda è ben diversa. Con la salvezza ormai acquisita, gli uomini di Mister Sanderra entreranno in campo “solo” per cercare di ottenere i tre punti, mettendoci cuore ed orgoglio, così come contro la capolista Salernitana; dopo la beffa rifilata dai granata, i giallorossi vorranno sicuramente riscattarsi e tornare al successo (che manca da due turni).

Se la Salernitana è la migliore squadra del girone per rendimento in trasferta, diversa è la situazione del Lecce. Partiti con l’obiettivo di vincere il campionato (ormai al terzo tentativo di fila), i salentini si sono resi conto che ci sarebbe stato da soffrire e ad oggi “elemosinano” un posto ai playoff, in virtù di un cammino altalenante, proprio lontano dalle mura amiche.

L'esultanza di Doumbia all'andata
L’esultanza di Doumbia all’andata

Attualmente fuori dal gruppo che disputerà gli spareggi, sono quinti in classifica con 54 punti a due lunghezze dalla quarta piazza. Solamente 16 i punti guadagnati lontano dal “Via del Mare”, dove sono state solo quattro le vittorie, quattro i pareggi ed addirittura sette le sconfitte. Appena quattordici i gol fatti e diciassette quelli subiti; nelle ultime due trasferte, i giallorossi pugliesi hanno perso di misura contro Casertana e Cosenza.

Si contano nove precedenti tra le due compagini, con sette vittorie delle Aquile, due pareggi e due successi dei salentini con ventisei gol di marca calabrese contro i dieci pugliesi. Bilancio, quindi, a netto favore del Catanzaro. L’ultimo precedente risale alla scorsa stagione, quando gli uomini di Mister Brevi non andarono oltre lo 0-0 con il Lecce che rimase in dieci per buona parte del secondo tempo e con un rigore netto negato a Tortolano nel finale. All’andata, invece, finì 2-2. In panchina c’era Mister D’Urso, traghettatore da Moriero a Sanderra. Con grinta e determinazione l’US rimontò la doppietta di Doumbia grazie ai gol di Ilari ed al pareggio nel recupero di Maiorano.

D'Urso in sala stampa al "Via del Mare"  (foto: sololecce.it)
D’Urso in sala stampa al “Via del Mare”
(foto: sololecce.it)

I salentini hanno cambiato due allenatori. A Franco Lerda è subentrato Dino Pagliari, senza sortire i miglioramenti sperati; la società ha così puntato su Alberto Bollini. Il cambio di marcia non è comunque avvenuto ed il Lecce ha dovuto ridimensionare i propri obiettivi, puntando a giocarsi il tutto per tutto negli spareggi.

L’undici di Bollini dovrebbe schierarsi con un 4-3-3. In porta Scuffia non ha conquistato il posto da titolare, che tanto sperava. Panchina a Catanzaro, panchina a Lecce. Fra i pali, quindi si vedrà Caglioni. Difesa a quattro con Mannini, Diniz, Abbruzzese ed uno fra Lopez (autore del vigliacco colpo proibito a Marchi, lo scorso anno) e Di Chiara; a centrocampo Lepore, Salvi e Filipe Gomes al posto dello squalificato Papini; tridente con Moscardelli al centro con Herrera ed uno fra Doumbia e Gustavo sugli esterni.

 

Ferdinando Capicotto

 

Related posts

Verso l’apertura del Mercato: Agnello e Selvatico pronti a legarsi all’US

admin

Scuole Calcio, sport e divertimento al Torneo Regionale Piccoli Amici

admin

Cotto Cusimano vs Kennedy JF – 09.02.2014 – Calcio Amatoriale

admin