Vuoi la tua pubblicità qui? Contattaci

L'avversario di turno

SI GIOCA CONTRO… Il Potenza

banner

Da Potenza a Potenza. Il campionato del girone C di serie C riparte e lo fa con una grande classica della categoria. E non solo perché (come vedremo meglio nel dettaglio) le due squadre si affrontano per la 28esima volta, quanto perché questa gara fu l’ultima ufficiale dei giallorossi e pose fine al sogno – quanto mai utopistico – playoff della scorsa stagione. Da allora molto è cambiato e forse, si spera, nemmeno l’assenza di pubblico sarà aspetto comune alle due gare. Per il resto infatti è mutato, tutto o quasi, a livello tecnico: due nuovi mister, Somma e Calabro, due organici rinnovati e con le stesse ambizioni di arrivare più in alto possibile.

LA STORIA

Più in alto possibile che per entrambe le società, al momento, vuol dire serie B. Ma se per il Catanzaro e il suo glorioso passato sarebbe un “contentino” (che, sia chiaro, coi tempi che corrono, sarebbe tanta roba), per i lucani sarebbe un ritorno ai massimi splendori dato che i leoni rossoblu non sono mai arrivati oltre la cadetteria nella loro storia. Sebbene nel lontano 1965, grazie alle reti di un certo Boninsegna, la serie B fu sfiorata. Da allora alti e bassi, fallimenti e risalite ma sempre portando in alto il nome della Basilicata di cui è   la massima rappresentante calcistica.

I PRECEDENTI

Una squadra molto presente nel calcio nazionale, al pari del Catanzaro. Ed ecco giustificati i tanti incontri tra le due squadre nel corso degli anni. Il primo è addirittura del 1935 con vittoria lucana per 1-0. Il primo dei soli 3 successi del Potenza nei confronti del Catanzaro che, da parte sua, non ha saputo fare di meglio in Basilicata; anche qui infatti si registrano 3 vittorie, con l’esordio del successo nel mach del 1947 (1-2). Poi una sfilza di pareggi consecutivi (ben 7) fino ad arrivare ai giorni nostri con gli ultimi due match di campionato che hanno visto un sorriso per parte. Nel 2018/2019 il roboante 1-5 dei giallorossi di Auteri, l’anno scorso il 2-0 dei lucani, ultima gara  casalinga del Potenza prima del lockdown. Come detto, infatti, il “Viviani” riaprì le porte per la gara dei playoff finita 1-1. 

GLI EX

Fu quella dello scorso 5 luglio una gara particolare soprattutto per Alvaro Iuliano, atleta al centro di uno strano caso di mercato. In prestito dal Catanzaro fino al 30 giugno per una clausola nata in fretta e furia, reso indisponibile a tornare in giallorosso in caso di match del Potenza contro i giallorossi, come puntualmente avvenne. Una diatriba che non ha raffreddato, forse, i rapporti tra le due società. E così quest’anno Lorenzo Di Livio veste rossoblu. Ad allenarlo Mario Somma, piccola apparizione sulla panchina giallorossa nella stagione 2016/2017. Dura due mesi e da allora non allenerà più fino proprio alla chiamata del Potenza di questa stagione. Tra gli ex, inoltre, il terzino sinistro Sepe, in giallorosso per una breve parentesi, nel 2018. Radiomercato infine parla di un possibile di un altro ex giallorosso: il portiere Adamonis. Sarà arruolabile per la sfida contro il Catanzaro…?

IL MOMENTO ATTUALE

E nel caso giocherà? È questa una delle tante incognite, ambientali, regolamentari e tecniche di questa partita e di questa stagione.  Pochi spunti tattici, viste le pochissime partite disputate, e quindi anche pochi indizi sugli undici che potrebbero scendere in campo. Di certo si sa che la squadra lucana è ambiziosa e la campagna acquisti messa su dal presidente sta a dimostrarlo, con puntelli di tutto rispetto. Già detto di Di Livio, rilievo è dato all’arrivo di Baclet. Dovrebbe partire titolare l’esperta punta per un undici che dovrebbe scendere in campo con il 4-3-3 così composto: Santopadre; Sepe, Boldor, Conson, Viteritti; Ricci, Coppola, Coccia; Baclet, Isgrò, Longo.

 

Francesco Calvano

Related posts

SI GIOCA CONTRO… Il Bisceglie

admin

SI GIOCA CONTRO… La Salernitana

admin

SI GIOCA CONTRO… La Casertana

admin