Vuoi la tua pubblicità qui? Contattaci

L'avversario di turno Notizie

SI GIOCA CONTRO… La Ternana

banner

Vade retro…Terni. Che sia la città o la squadra, la Catanzaro sportiva ha bruttissimi ricordi della trasferta umbra.

Se infatti, tra poche righe, vedremo alcuni precedenti per certi versi storici, di sicuro quando si parla di Terni non si può non ricordare lo spareggio per la serie A contro il Verona, giocato proprio in un “Libero Liberati” molto più giallorosso che gialloblu. Una bruciante sconfitta resa ancora più amara dalla tragica dipartita di un tifoso del Catanzaro a causa di un incidente stradale proprio nel tragitto che portava nella città di San Valentino. Oggi questo match ritorna, e sarà totalmente diverso per importanza, seguito, categoria.

LA STORIA

Quella che non sarà diversa la storia, comune, per alcuni aspetti, alle due società. Perché la Ternana come il Catanzaro è stata la prima squadra della sua regione a salire in serie A, anche prima della più blasonata e acerrima rivale Perugia. Avvenne nel 1972 e la cosa non passò inosservata, dato che al risultato sportivo faceva seguito un gioco moderno e spumeggiante per l’epoca. Una sorta di calcio totale all’olandese che il tecnico Viciani applicava con pressing e fraseggi corti. Gli anni in A furono soltanto due è vero ma vengono ricordati da molti amanti del calcio. Le cose belle però, sono destinate a finire, specie se sei una provinciale e così la Ternana ballerà spesso tra B e C.

I PRECEDENTI

Stesso dicasi per il Catanzaro ed ecco che allora è facile capire che vi siano diversi precedenti tra le due compagini. In Umbria sono 11 con 5 vittorie nero verdi, 2 vittorie giallorosse e 4 pareggi di cui uno dolorosissimo per i tifosi giallorossi. È il 13 gennaio 1991, le due squadre si affrontano in serie C1. La gara termina 2 – 2, ma l’ex della gara Nicola Chiarella, attaccante della Ternana, sostiene di aver ricevuto, giorni prima della gara una telefonata con accento calabrese in cui gli si proponeva una combine. Una vicenda mai provata fino in fondo ma che costò al Catanzaro tre punti di penalizzazione che fecero retrocedere gli uomini di Pino Albano in C2, nonostante la salvezza ottenuta sul campo. È senza dubbio questo il precedente celeberrimo di una sfida che si gioca la prima volta nel 1947 e vede vincere i rossoverdi per 1-0 e l’ultima nel 2006 quando il Catanzaro vinse 0-2 grazie ai gol di De Sousa e Mattioli. L’altro unico trionfo giallorosso risale al 1969, 0-1 Musiello.

GLI EX

Partite insomma mai banali, storiche e decisive. E per quattro giocatori del Catanzaro quella di domenica sarà anche speciale, in quanto ex dell’incontro. Daniele Altobelli, Pasquale Fazio, Raffaele Di Gennaro e Luca Verna hanno infatti vestito con diverse fortune la maglia rossoverde negli anni passati. La stessa cosa che ha fatto, ma lasciando un grande segno anche Mimmo Giampà, a Terni un vero e proprio idolo. Ternana –  Catanzaro è senza dubbio la sua partita.

IL MOMENTO ATTUALE

Lui la vedrà dalla tv, mentre in campo ci andranno, dal lato ternano, undici “fere”, come sono soprannominati i calciatori neroverdi. Fere, ovvero fiere…fiere di essere meritatamente prime in classifiche e non solo perché tra rinvii e il caso Trapani siano una delle compagini che ha giocato tutte le partite. La Ternana è stata costruita per vincere già dallo scorso anno e quest’anno si sta dimostrando lo squadrone che è. Quindici punti, quattordici gol fatti e nove giocatori diversi in rete, nessuno come lei in Italia, sono numeri che da soli spiegano un inizio di campionato da brividi. Una marcia che gli uomini di Cristiano Lucarelli vogliono continuare a mantenere e lo faranno pur rinunciando a Diakite e Celli, ancora fermi per infortunio. Ma il tecnico ex Catania ha già pronte le contromosse e, forse, già in mente la sua squadra per domenica da schierare col consueto 4-2-3-1 con Iannarilli; Defendi, Kontek, Boben, Frascatore; Palumbo, Proietti; Partipilo, Falletti, Furlan; Vantaggiato.

 

Francesco Calvano

 

Related posts

Consegnato defibrillatore acquistato con il ricavato del Memorial “Ciancio”

admin

Sanderra, le cifre di un esonero inatteso: cosa è andato storto?

admin

Sport 360 – Il pareggio accontenta Italia e Croazia. Gara sospesa per 10′ per intemperanze degli ospiti

admin