L'avversario di turno

SI GIOCA CONTRO… La Fidelis Andria

banner

Fidelis Andria_logoBisogna stringere i denti e dare il massimo. Il Catanzaro non deve più guardare al valore dell’avversario o se questi abbia raggiunto o meno il proprio obiettivo. Occorre portare a casa punti pesanti perché la salvezza è un traguardo troppo importante da raggiungere. Dipende tutto dai giallorossi, avanti in classifica rispetto a Monopoli e Catania. Le aquile ora sono attese dalla trasferta di Andria.

Con la vittoria esterna a Martina per 0-3 la Fidelis Andria è praticamente salva. I pugliesi hanno 42 punti in classifica con uno di penalizzazione. A fasi alterne il loro campionato dando sempre l’impressione di poter ottenere il successo, ma anche perdere con chiunque. Undici le partite vinte, dieci i pareggi, nove le sconfitte con ventinove gol fatti e quindici subiti (miglior difesa di tutta Italia). In casa il cammino non è proprio dei migliori con 20 punti conquistati a fronte di cinque vittorie, cinque pareggi e cinque sconfitte, realizzando quattordici reti ed incassandone sette. Nelle ultime due gare disputate fra le mura amiche sono giunti due 0-0.

L'esultanza di Poluzzi dopo la parata su Giampà
L’esultanza di Poluzzi dopo la parata su Giampà

I precedenti al “Degli Ulivi” sono sette con due vittorie a testa e tre pareggi; quattro gol per parte. L’ultima volta che le due compagini si sono affrontate è stato il 10 febbraio 2013. In panchina c’era Mister Cozza è termino 0-0. Il 2 novembre 2008 decise Max Caputo con deviazione per le aquile, che vinsero anche nel 2003 grazie ad una rete di Nunzio Falco. L’Andria non vince dal 2007 quando segnò Cavaliere. All’andata finì 0-0 con una traversa di Grandolfo ed un miracolo di Poluzzi su Giampà nei minuti finali.

Mister Luca D’Angelo dovrebbe schierare i suoi con un 3-5-2 che con l’avanzamento di Strambelli si trasforma in un 3-4-1-2. Davanti a Poluzzi dovrebbero esserci Tartaglia, Aya e Stendardo; Bangoura, Strambelli, Bisoli, Onescu e Cortellini a centrocampo; De Vena e Grandolfo in avanti.

Sarà una partita non facile, perché i pugliesi non regaleranno nulla. Il compito dell’US non è però impossibile. Occorrerà giocare per ottenere un risultato utile, consapevoli che con una vittoria si potrebbe anche allungare sui diretti avversari.

Ferdinando Capicotto

Related posts

SI GIOCA CONTRO… La Casertana

admin

SI GIOCA CONTRO… La Paganese – di Carmine Lupia

admin

SI GIOCA CONTRO… Il Perugia – di Carmine Lupia

admin