L'avversario di turno

SI GIOCA CONTRO… La Juve Stabia

banner

Per la terza giornata di campionato, ospite dei giallorossi è la temuta Juve Stabia (piazza importante ed esigente per la serie C), che ha perso, durante il calciomercato, il suo uomo di punta, quel Mario Marotta, che nella prima giornata si è fatto molto apprezzare proprio al “Ceravolo” nelle fila della Casertana. Le vespe, tuttavia, nel mese di agosto sono riuscite a piazzare colpi importanti, come Giorgio Capece, esperto centrocampista prelevato dal Cosenza, gli attaccanti D’Auria (dal Monopoli) e Simeri (dal Novara), l’esterno d’attacco Luigi Canotto dal Trapani e il fantasista Viola, che lo scorso maggio, aveva gelato la tifoseria giallorossa portando la Vibonese temporaneamente in vantaggio, a metà ripresa, prima che gli uomini di Erra riuscissero a ribaltare nuovamente il risultato.

In panchina, la squadra del Presidente Manniello (per lui la decima stagione), riparte dal duo Caserta-Ferrara. Per il primo inizia l’avventura ufficiale da allenatore dopo gli ultimi cinque anni trascorsi sempre a Castellamare da calciatore e vice allenatore: ad affiancarlo ci sarà l’esperto Ciro Ferrara, già allenatore in seconda di Triestina, Reggina, Salernitana e di recente anche nel Catanzaro come “secondo” nella breve esperienza di Somma, sulla panchina delle Aquile.

Nei sette precedenti di campionato al “Ceravolo”, regna perfetta parità, con tre pareggi e due vittorie per parte: segno “X” nel 1991/92 e l’anno seguente e nel 2000/01. Indimenticabile il 3-2 nel 2009, anno di Auteri, con il difensore Di Maio in versione “goleador”; illusorio, invece, il 2-0 all’esordio di Moriero e Kamara, tre anni fa, allorquando, l’evidente supremazia dei giallorossi faceva presagire tutt’altro… salvo poi dissolversi come neve al sole. Nelle ultime due stagioni, solo amarezze per le Aquile: 1-2 nel settembre 2015 e 0-2 lo scorso anno.

Nell’unica gara di campionato giocata ad Andria (nella seconda giornata turno di riposo, da calendario), gli stabiesi si sono resi protagonisti di un roboante 3-3, che ha confermato il grande potenziale in attacco, ma anche qualche problema di troppo nella tenuta difensiva: se il Catanzaro saprà approfittarne, lo vedremo sabato sera, quando le Aquile torneranno in scena davanti ai propri spettatori, senza Marchetti e Zanini squalificati e Infantino, ancora alle prese con l’infortunio, ma con gli ultimi arrivati, Letizia e Anastasi, che potrebbero essere del match.

La Juve Stabia dovrebbe scendere in campo con il 4-3-3: Zanotti tra i pali alle spalle di Morero e Redolfi al centro della difesa, supportati da Nava sulla destra e Crialese sulla fascia sinistra; a centrocampo Mastalli, Capece e Viola, faranno da faro alle giocate del tridente offensivo composto da Lisi, Paponi e Berardi.

 

 

Danilo Ciancio

Related posts

SI GIOCA CONTRO…La Juve Stabia

admin

SI GIOCA CONTRO… Il Rende

admin

SI GIOCA CONTRO… La Virtus Francavilla

admin