L'avversario di turno

SI GIOCA CONTRO… Il Messina

banner

acr messina logoIl Catanzaro deve vincere. Qualsiasi avversario si ritroverebbero di fronte i giallorossi domenica al “Ceravolo” devono assolutamente ottenere i 3 punti. Occorrono veramente tanto sia per motivi di una classifica che comincia già a diventare difficile, sia per risollevare seppur parzialmente il morale di un ambiente veramente ostile, forse peggio della passata stagione. Sì perché infondo l’anno scorso si era pronti a vivere un campionato difficile, ma quest’anno si nutriva la speranza di togliersi qualche soddisfazione in più e non iniziare da subito a galleggiare nelle posizioni medio-basse.

messina_ultrasL’avversario delle aquile di domenica non è impossibile: il Messina. Fra le due tifoserie è innegabile la rivalità iniziata in particolare negli anni ’80. I siciliani hanno solamente un punto in più dell’US e giungono da due sconfitte consecutive. In trasferta due partite perse su altrettante giocate, segnando un gol e subendone quattro. Tra queste spicca il 2-0 incassato a Reggio nel Derby dello Stretto.

L'esultanza di Moi l'anno scorso
L’esultanza di Moi l’anno scorso

Al “Ceravolo” sono ventidue i precedenti con otto vittorie del Catanzaro, dieci pareggi e quattro successi dei peloritani. Ventotto a diciassette il computo delle reti per i padroni di casa. Nel passato campionato decise Moi nella gara giocata a porte chiuse per decisione del Prefetto. Significativa fu la corsa verso una “Capraro” vuota e subito dopo i festeggiamenti con i tifosi che incitarono la squadra fuori dalle mura. L’anno precedente terminò in un anonimo 0-0. L’US era già salvo ed i messinesi con Corona in campo fallirono l’obiettivo di vincere il match. Le due compagini non si affrontavano dal 1999 quando finì 2-2. I giallorossi dovettero recuperare uno svantaggio di 0-2 con gol di Benincasa e De Leonardis. Del Nevo e Torino siglarono l’ultima vittoria nel campionato precedente. Inutile la rete di Marsich. Negli anni ’80 si registrarono un 4-2 ed un 2-0 per le aquile in C1 ed in B. Il 15 febbraio 1931 si giocò il primo incontro con a segno Colombetti e Massironi.

Gli uomini di Mister Marra dovrebbero schierarsi con il 4-3-3. Berardi tra i pali; Ionut, Maccarone, Mileto ed Akrapovic, Lazar, Musacci e Bramati a centrocampo; Milinkovic, Pozzebon e Madonia in avanti.

Il match si spera venga giocato di fronte ad un pubblico civile. Occorre cominciare a mettere punti in cascina prima che la situazione inizi a diventare complicata.

Ferdinando Capicotto

Related posts

SI GIOCA CONTRO… Il Foggia

admin

SI GIOCA CONTRO… L’Akragas

admin

SI GIOCA CONTRO… Il Benevento

admin