L'avversario di turno

SI GIOCA CONTRO… Il Monopoli

banner

Catanzaro-Monopoli è un’altra finale, un’altra possibilità, l’ennesima fornita alle aquile in questa stagione per svoltare. La vittoria è l’unico risultato a disposizione per i giallorossi che, ottenendo i tre punti, raggiungerebbero i pugliesi e sarebbero in vantaggio per gli scontri diretti. I biancoverdi piomberebbero così nella zona rossa. Il dubbio amletico è evidente: gli uomini di Erra saranno quelli grintosi e determinati visti con il Matera o quelli svogliati di Melfi? Al terreno di gioco l’ardua sentenza. Sui noti fatti di violenza non vogliamo entrare nel merito perché perché non hanno minimamente a che fare con uno sport entusiasmante come il pallone.

Army Korps

Il Monopoli dopo un ottimo inizio di stagione si è perduto per strada ed ora vacilla incredibilmente nella zona calda della classifica con 30 punti ottenuti frutto di sette vittorie, nove pareggi e tredici sconfitte. Fuori casa il ruolino parla di 17 punti conquistati a fronte di quattro successi, cinque segni X e due partite perse. Nelle ultime cinque in trasferta a malapena tre pareggi e due sconfitte consecutive. Sono diciassette i gol all’attivo, ventuno quelli al passivo. Negli ultimi cinque incontri in generale quattro gare perse ed un pareggio.

L’illusoria esultanza di Agodirin

In undici precedenti al “Ceravolo” il Catanzaro ha vinto otto volte e perso tre senza nessun pari. Diciotto a sette per i giallorossi il computo delle reti segnate. L’anno scorso ghiacciante 1-2 degli ospiti maturato all’ultimo secondo. Dopo il vantaggio di Agodirin, pareggiò Croce al 53’; infine Ferrara al 93, ammutolì i tifosi calabresi con l’incredibile palla-gol capitata a Firenze un minuto dopo e mandata alle stelle. Era la terzultima giornata e lo spettro dei play-out era molto concreto per le aquile che riuscirono invece a salvarsi direttamente con le vittorie ad Ischia e con il Melfi. Montella e Longoni misero a segno le due reti che permisero agli uomini di Auteri di vincere contro i pugliesi l’11 aprile 2010. L’8 marzo 2009 finì 2-1 con gol di Caputo e Berardi, intervallati dal momentaneo 1-1 di Carbonaro. D’Allocco regalò il successo ai biancoverdi il 28 ottobre 2007.  All’andata rocambolesco 2-2 con iniziale gol di Sarao; pari di Montini; vantaggio pugliese di D’Auria e pari finale di Basrak.

Mister Bucaro dovrebbe mandare in campo i suoi con il 3-4-1-2. Furlan fra i pali; Cikos, Esposito e Mercadante in difesa: Ricucci, Cavagna, Nicolini e Pinto a centocampo; Sounas alle spalle di Genchi e Montini.

È una finale.

Ferdinando Capicotto

Related posts

SI GIOCA CONTRO… Il Perugia – di Carmine Lupia

admin

SI GIOCA CONTRO… La Reggina

admin

SI GIOCA CONTRO… La Casertana

admin