Sport 360

Sport 360 – Federico Pellegrino nella storia

banner

Altri sport_sport 360_basket_vollei_moto_karate_scherma_tennisLa fine del 2015 e l’inizio del nuovo anno sono state caratterizzate da vari eventi che hanno avuto come unico comune denominatore gli sport invernali.

Sono in corso di svolgimento per quanto riguarda lo sci nordico due competizioni: il torneo dei quattro trampolini di salto e il tour de Ski per lo sci di fondo.

Il torneo dei 4 trampolini di salto si svolge in quattro giornate differenti tra la dine dell’anno e l’Epifania in quattro località differenti.

Per ora si sono disputati due delle quattro prove entrambi in Germania dai trampolini di Oberstdorf e Garmisch Partenkirchen,

Nella prima prova trionfo dell’idolo di casa Severin Freund, davanti al norvegese Michael Hayboeck e al favorito sloveno, Peter Prevc, che però si è preso la rivincita a Garmisch davanti ad un altro norvegese Kenneth Gangnes e al vincitore della prima prova.

La classifica generale al momento vede proprio lo sloveno Prevc in testa davanti a Freund.

Il Tour de Ski invece è una corsa a tappe di sci di fondo che si disputa sempre a cavallo tra la fine dell’anno e l’inizio del nuovo.

Si è svolta solo una solo prova a sprint a Lanzerheide in Svizzera con il trionfo dell’azzurro Federico Pellegrino che ha bruciato in volata il russo Ustiugov, entrando nella storia di questo sport  ottenendo la sesta vittoria in Coppa del Mondo ed eguagliando il grandissimo Pietro Piller Cottrer.

Per ciò che riguarda lo sci alpino invece si sono svolte per i maschi durante il lungo week end prenatalizio in Italia le prove veloci della Val Gardena, il gigante della Val Badia, lo slalom in notturna nella splendida cornice del canalone Miramonti di Madonna di Campiglio e la discesa libera post natalizia di Santa Caterina Valfurva

Le prove veloci sulla Saslong della Val Gardena hanno visto il trionfo sia in Supergigante sia in Discesa del norvegese Aksel Lund Svindal precedendo in entrambi le gare il compagno di squadra Kjetil Jansrud, finito secondo in supergigante e terzo in discesa, preceduto dal francese Giullermo Fayed.

L’unica nota lieta per gli azzurri in queste gare è stato il quarto posto di Peter Fill.

Nel gigante della Gran Risa in Alta Badia vittoria per soli 19 centesimi del campione austrico  Marcel Hircher davanti all’astro nascente il norvegese Henrik Kristoffersen e al francese Viktor Muffat Jandet, malissimo gli azzurri.

Nello slalom notturno di Campiglio invece il norvegese si è preso la rivincita dominando la gara, infliggendo un distacco di 1 secondo e 25 centesimi al Hirscher e alla sorpresa austrica Marco Schwarz che ha scalzato dal fradino del podio l’azzurro Giuliano Razzoli.

Nella discesa di Santa Caterina Valfurva vittoria del francese Adrien Theaux davanti all’austrico Hannes Reichelt. Sfortunato in questa gara l’azzurro Christof Innerhofer, finito quarto ad un soffio dal podio,  che a meta gara ha divelto una porta arrivando che gli è appiccata addosso per un buon tratto di gara.

Dopo queste prove il norvegese Svindal guida la classifica generale di Coppa davanti con 636 precedento di soli 13 punti  Hirscher

Le donne invece sono state protagoniste in Francia nella Val d’isere dove si sono disputate una super combinata e una discesa entrambi vinte dalla svizzera Lara Gut che nella prima prova ha battuto la statunitense favorita Lindsay Vonn per solo un centesimo.

Successivamente il circo bianco femminile si è spostato a Courchevel dove si è svolto uno slalom gigante  vinto dall’austrica Eva Maria Brem davanti a Lara Gut, con un ottimo sesto posto per l’azzurra Sofia Goggia.

Dopo le festività natalizie solite prove tecniche in Austria a Lienz.

Nello slalom gigante trionfo ancora di Lara Gut che ha preceduto dopo una gara molto tirata la rappresentante del Liechtestein Tina  Werather e la tedesca Viktoria Rebensurg, buon quinto posto di Federica Brignone e in generale buona prova di squadra delle nostre rappresentanti con settimo posto per Francesca Marsaglia, nono  per Irene Curtoni e decimo per la sorella Elena.

Nello slalom invece vittoria per la svedese Frida Hansodotter che ha battuto di un soffio la svizzera Wendy Holdener  e la ceca Petra Vhlova. Malissimo le azzurre se si esclude l’ottavo posto di Irene Curtoni.

Dopo queste vittorie che le hanno portato tre successi e un secondo posto, la svizzera Lara Gut guida la classifica con ben 658 punti con la statunitense Vonn distaccata di 158 punti.

Nel biathlon nella tappa di Pokljuka in Slovenia il contingente azzurro sia al maschile sia al femminile è stata alquanto deludente. Da segnalare solo il buon risultato di Dominik Windish nella mass start dove ha chiuso la gara, vinta dal francese Beatrix, al nono posto.

Ferdinando Capicotto

Related posts

Boxe, la catanzarese Martina Mussari campionessa italiana universitaria

admin

Sport 360 – Nuoto, Open Day con Massimiliano Rosolino

admin

Sport 360 – Bufera sulla Fifa: soldi illeciti a Platini, indagato Blatter

admin