Allenamenti Interviste

“Stiamo crescendo, partiamo con fiducia”: Aquile in viaggio verso la Puglia

banner

Il calendario scandisce un ritmo così elevato, non consentendo di soffermarsi troppo ad analizzare, che “arriva” subito la partita successiva. Il Catanzaro si appresta a disputare la quarta “tappa” (parafrasando la similitudine tanto cara ad Erra) di questo girone C, preparandosi ad affrontare il Bisceglie, neopromossa “fastidiosa” da prendere con le pinze, in quanto euforica dei sei punti in saccoccia. Insomma, vedremo se, cammin facendo, gli uomini dell’ex Zavettieri, avranno le carte per fungere da matricola terribile del torneo.

<<Troveremo un avversario in salute, “giovane”, che cerca sempre di fare la sua partita, avendo iniziato con grande entusiasmo. Diversi giocatori che hanno vinto il campionato lo scorso anno sono rimasti, con l’inserimento di tanti stranieri di buon livello. Noi siamo in netta crescita perciò partiamo con fiducia, convinti di fare una buona gara>>, afferma Alessandro Erra, prima di salire sul pullman alla volta di Bisceglie, confermando la positiva condizione psicofisica del gruppo, al termine di una settimana di lavoro in cui si è concentrato su diversi aspetti, non soltanto tattici, ma anche mentali: <<Fin qui abbiamo avuto la normale difficoltà di tutte le squadre che hanno cambiato tanto, in tutte le categorie! Anche le squadre superiori stentano dopo aver rivoluzionato l’organico, ma siamo in linea con le difficoltà oggettive di questo periodo>>, aggiunge il tecnico, il quale, come più volte ribadito, allontana ogni forma di alibi imputabile alle assenze forzate.

Anastasi

Senza sbottonarsi più di tanto, il trainer giallorosso lascia la porta “socchiusa” ad eventuali cambi, dal primo minuto, pur tenendo fede al suo “credo” tattico: <<Chi è stato impiegato finora, mi dà ampie garanzie. Passare al 4-4-2 nel corso di una gara, per esempio, è una soluzione che mi stimola (come avvenuto negli ultimi venti minuti con la Juve Stabia), quindi è possibile che si possa arrivare a giocare con due attaccanti, a partita in corso>>. Effettivamente, il Catanzaro contro le Vespe ha tessuto trame facilmente leggibili dall’avversario, che ha tamponato in totale tranquillità, senza rischiare; un aspetto da rivedere, dunque, perché altrimenti non si potrà mai trovare il varco giusto, con tale prevedibilità nella giocata. In ogni caso, aprirsi a nuove variazioni, serve anche a mantenere alta la concentrazione in chi si prepara a scendere in campo: <<In avanti può darsi ci sia qualche novità, ma è giusto che si facciano trovare pronti tutti>>, incalza Erra, potendo disporre di un variegato ventaglio di uomini, dal valore riconosciuto. Vedremo Anastasi unica punta, sostenuto da Falcone e Puntoriere? Oppure Letizia e lo stesso Anastasi, in tandem? Non è dato saperlo, tuttavia è ora che l’US sfrutti appieno l’alto potenziale di cui dispone, in particolare negli ultimi metri. Non capitalizzare, allora, è un vero peccato: <<Durante la settimana lascio piena libertà agli interpreti della fase d’attacco, perché la fantasia non va’ repressa, ma stimolata – rivela il mister-. Anzi, negli ultimi metri, ognuno è libero di esprimere il proprio estro, affinché si metta a disposizione del collettivo>>.

Letizia

Intanto, far ritorno da Bisceglie con punti (magari una bella vittoria), è propedeutico non solo ai fini della classifica (che verrà “mozzata” dalla penalizzazione, a breve), ma anche per rinsaldare le proprie consapevolezze: <<Tutti dobbiamo fare di più, ma siamo sulla buona strada. A Bisceglie mi aspetto un’ulteriore crescita e sono convinto che avverrà. Ogni gara è un esame da superare, perché incroceremo squadre agguerrite, ma noi dovremo esserlo altrettanto, altrimenti la qualità non verrà mai fuori>>.

Related posts

“Devo vedere il bicchiere mezzo pieno”: l’analisi di Pancaro

admin

Mister Calabro: ” Troveremo un Catanzaro determinato”

admin

Il “nuovo” Catanzaro approda al “Ceravolo”: applausi e calore alla ripresa dei lavori

admin