Brutta battuta d’arresto per la capolista Lecce che non approfitta del turno di stop in campionato del Catania e si fa superare in casa dalla Juve Stabia, capace di sbancare “Via del Mare” grazie ad un bel gol di capitan Mastalli a 20 minuti dalla fine del match che rilancia così le ambizioni di play off delle Vespe.

Si fa sotto il Trapani che supera 2-1 al “Granillo” la Reggina e si conferma autentica “bestia nera” degli amaranto: nonostante il vantaggio di Bianchimano dopo appena tre minuti dall’inizio, prima Evacuo e poi Scarsella ribaltano le sorti dell’incontro a favore dei granata che consolidano la terza posizione a sole due lunghezze dal Catania.

Non mollano le dirette inseguitrici, tutte uscite vittoriose dalle sfide odierne. Il Siracusa liquida con tre sberle al “De Simone” il Monopoli, a coronamento di una partita impeccabile: la sblocca l’ex giallorosso Vittorio Bernardo, subito dopo l’autorete di Scoppa e infine il gol di Parisi che vale il definitivo 3-0. Resta in scia anche il Rende che sbanca il “Ceravolo” per la terza volta in stagione tra Coppa e campionato grazie al gol di uno dei giocatori più apprezzati finora tra i biancorossi, il centrocampista Franco che approfitta di una disattenzione della retroguardia del Catanzaro e regala tre punti importanti alla sua squadra. Più forte della crisi societaria, il Matera vince in casa del Racing Fondi grazie ad un gol per tempo a firma di Dugandzic e Maimone: la squadra di Auteri brinda così al secondo successo del 2018 e si piazza a 40 punti in classifica, in piena corsa per i play off.

Cade inaspettatamente il Cosenza al “Pinto” al cospetto di una Casertana alla disperata ricerca di punti scaccia crisi: falchetti in vantaggio con Alfageme nei minuti di recupero della prima frazione, resistono in 10 per tutto il secondo tempo per colpa di un’espulsione di Rainone (secondo giallo rimediato ad inizio ripresa) agli assalti dei Lupi, spezzando così con la vittoria un incantesimo che durava dal successo ottenuto proprio contro il Catanzaro  lo scorso 23 dicembre.

Rocambolesco match al ”Massimino” tra Sicula Leonzio e Virtus Francavilla, terminato 2-2: tanto rammarico per i siciliani che dopo essere passati in vantaggio nel primo tempo con due gol di Marano e Esposito, subiscono il ritorno dei pugliesi con Folorunsho e Partipilo che pareggiano le sorti dell’incontro.

Preziosa vittoria della Fidelis Andria che espugna il “Torre” e mantiene viva la corsa alla salvezza: nonostante l’inferiorità numerica durata tutto il secondo tempo (espulso capitan Piccinni per un doppio giallo), ai coratini basta infatti un gol di Longo a 5 minuti dalla fine per avere la meglio sulla Paganese, agganciandola così al penultimo posto. Notte fonda infine per l’Akragas che cade anche contro il Bisceglie al “Ventura”: succede tutto nel secondo tempo, con i nerazzurri che passano in vantaggio con D’Ursi, si fanno recuperare proprio allo scadere con un gol di Dammacco ma, neanche il tempo di gioire per i Giganti, che arriva il definitivo 2-1 di Jovanovic in pieno recupero.  ​

 

Danilo Ciancio

Related posts

“E’ successo in…” – 36^ giornata

admin

“E’ successo in…” – 10^ Giornata

admin

“E’ successo in…” – Andata Terzo Turno playoff

admin