Notizie

“E’ successo in…” – Ritorno Playout, girone C

banner

Dopo la vittoria dell’andata al Ceravolo, al Catanzaro bastava un pareggio per mantenere la permanenza in Lega Pro, ma è servita un’impresa, al “Luigi Razza” di Vibo Valentia, nel return match dei Playout.

 

 

 

I giallorossi, dunque, centrano l’obiettivo, al termine di una partita tutta “cuore e grinta” contro i rossoblu, che si mette bene sin da subito grazie al gol di Basrak, al 6′: suggerimento di Sarao dalla sinistra per il serbo-svizzero (schierato dall’inizio al posto di Giovinco) che non sbaglia. L’1-0 galvanizza i giallorossi che, spinti dai soliti, generosi, supporters giunti in settecentocinquanta ad incoraggiare la squadra nell’ultima decisiva sfida, tengono bene il campo fino alla mezzora, quando un errore di Sabato nella propria area, mette in condizioni Bubas di trafiggere facilmente De Lucia. La partita a quel punto diventa nervosa e giocata dalle due squadre con la consapevolezza dell’alta posta palio: il primo errore sarebbe stato fatale, ed infatti le Aquile, per poco non ci lasciano le penne, quando Sorinello (subentrato a Sowe), nella ripresa sfiora il gol del sorpasso, ma Sirri si immola, facendo scudo con il proprio corpo, sul tiro a botta sicura dell’attaccante della Vibonese. Erra riesce a mantenere il giusto equilibrio, mentre Campilongo non trova le giuste contromisure e così la salvezza se la porta a casa il Catanzaro, che resta ancora in Lega Pro, mentre la Vibonese, appena un anno dopo il ripescaggio, deve mestamente ritornare nell’inferno della Serie D.  

Allo stadio “Esseneto”, nel frattempo, va’ in scena l’ultimo atto dell’altra sfida salvezza, tra Akragas e Melfi. Reduci dallo 0-0 dell’andata, i padroni di casa partono forte, ma proprio quando sembravano sul punto di sbloccare il risultato, a sorpresa passa il Melfi con un’autorete di Riggio che, nel tentativo maldestro di liberare, trafigge Pane nella propria porta. I biancoazzurri, a quel punto, sembrano sull’orlo di mollare e De Angelis ha un paio di occasioni, nel primo tempo, per raddoppiare ma è impreciso. Nella ripresa è Klaric a suonare la carica per la truppa di mister Di Napoli, subentrando al posto di un evanescente Cocuzza, ma tocca, a Longo al 76′, a trovare il gol del pari: bel pallone in mezzo di Palmiero e l’esterno anticipa Gragnaniello per l’1-1, che vuol dire salvezza per i siciliani e retrocessione per i lucani, incapaci nell’ultimo quarto d’ora, di trovare un nuovo guizzo vincente.

 

Danilo Ciancio

 

Related posts

US, la regular season termina il 7 maggio a Fondi

admin

“Dirty Soccer”, paga anche il Catanzaro Calcio

admin

Catanzaro – Ascoli in notturna il prossimo 18 ottobre

admin