Pagelle

Tutti promossi, ottimi gli esterni – Le Pagelle

banner

Furlan 6,5
Solita sicurezza tra i pali, non corre particolari pericoli nei novanta minuti grazie all’attenta gara dei suoi compagni che non concedono quasi nulla agli avversari tranne qualche tiro insidioso da fuori, dove si fa trovare sempre pronto. Si esibisce in un paio di riflessi felini, anche quando gli attaccanti blufoncè sono in offside.
Celiento 7
Per la prima volta in stagione non ha davanti il solito Statella come punto di riferimento ma trova in giornata di grazia Casoli con il quale forma un tandem inaspettato sulla fascia. In difesa è il mastino di sempre
Riggio 7
Mette il lucchetto all’area di rigore dove in pochi riescono ad entrare e quando gli avversari trovano un varco è sempre pronto nel recupero, come nel finale quando ancora sull’1-0 è prodigioso nel chiudere in angolo una pericolosa incursione di Fella
Signorini 6
Sfortunato, dopo una ventina di minuti deve arrendersi per un guaio alla caviglia. Premiato nel post-gara dal pubblico di casa, visti i trascorsi a Cava del compianto papà
Maita 7,5
Bella partita del capitano, sostanza e qualità al servizio della squadra: gioca tanti palloni e riparte con personalità in percussione costringendo spesso al fallo gli avversari. Azione dubbia su di lui ad inizio gara quando subisce un intervento scomposto giudicato frettolosamente dall’arbitro Amabile fuori dall’area di rigore
De Risio 6,5
Riparte da titolare dopo tanto tempo, insieme a Maita compone una coppia centrale di assoluta affidabilità
Casoli 6,5
La migliore prestazione da quando è in giallorosso: già dopo due minuti obbliga De Brasi al primo serio intervento, per tutto il match spinge con intelligenza e qualità facendosi anche apprezzare per il sacrificio dalla metà campo in giù
Favalli 7
Va vicino al gol in almeno un paio di occasioni, a cavallo tra la fine del primo tempo e l’inizio della ripresa, sarebbe stato il giusto premio in una gara che l’ha visto assoluto protagonista e padrone della sua fascia
Bianchimano 6
Paga la generosità con cui cerca di recuperare palla su un avversario, l’intervento gli procura un problema al ginocchio che lo costringe a dare anzitempo forfait
Ciccone 6,5
Come sempre fa tanto movimento in attacco, si dimostra utile alla causa andando vicino al gol nel primo tempo con un’azione personale, la potente conclusione finisce però a lato
Fischnaller 7,5
Una certezza per questo Catanzaro: passo e tecnica da categoria superiore, dimostra freddezza e personalità nel calciare il rigore che mette sui binari giusti la partita del Catanzaro

D’Ursi 8
Come sempre spacca le difese avversarie rendendosi imprendibile. Il primo gol è frutto della sua tenacia che gli consente di prendere posizione su Silvestri al quale non rimane altro da fare che stenderlo a terra una volta entrato in area. Nel secondo gol mette in mostra le sue caratteristiche: progressione devastante, resistenza fisica (compreso il tentativo di fallo dell’avversario) e grande freddezza davanti a De Brasi quando lo supera piazzando un preciso piatto nell’angolo più lontano
Nicoletti 6,5
Chiamato in causa quasi a freddo per l’infortunio di Signorini, dimostra ancora una volta di cavarsela con disinvoltura nel ruolo di centrale sinistro nella difesa a tre. Prova di sostanza e concretezza
Posocco 6
Rileva Fischnaller a venti minuti dalla fine dando un prezioso contributo sulla destra e svolgendo con diligenza il compito assegnatogli da Auteri, costringendo gli avversari a rallentare le ripartenze
Eklu 6
Al posto di Ciccone, si dimostra giocatore molto interessante che ancora non ha avuto modo di esprimere pienamente le potenzialità: difficile portargli via il pallone dai piedi, contribuisce nei minuti finali concessi da Auteri a far respirare difesa e centrocampo

Mister Gaetano Auteri 7
Quella vista oggi in campo ha ricordato, per intensità e vigore agonistico, la squadra che ha espresso per gran parte del campionato il miglior gioco tra tutte le formazioni del girone. Una squadra capace di imporsi contro ogni avversario senza alcun timore reverenziale e lasciandosi alle spalle – speriamo definitivamente – il periodo difficile. Nonostante la febbre sopraggiunta in mattinata, gestisce con maestria una gara che, con il doppio infortunio di Bianchimano e Signorini, si era messa in salita, riuscendo a trasformare una condizione di difficoltà in un vantaggio inaspettato. Esperienza nella fase più delicata del finale di gara quando, con la squadra a corto di ossigeno dopo aver speso molte energie senza trovare il raddoppio, ridisegna l’undici in campo inserendo Posocco sulla destra (con Casoli spostato in posizione più avanzata) e dando ad Eklu il compito di drenare le iniziative dei metelliani alla ricerca disperata del pareggio. Timoniere.

 

Danilo Ciancio 

Related posts

D’Ursi il migliore, Furlan super – Le Pagelle

admin

Statella inventa il jolly da tre punti – Le Pagelle

admin

Il dolce e l’amaro della stagione 2018/19 – Il Pagellone

admin