Il Punto Partite Primo Piano

US ancora senza segnare ad Agrigento: 0-0 e classifica che si muove

banner

Giovinco_Messina_2016Il Catanzaro esce dall’”Esseneto” di Agrigento con un pareggio per 0-0. In casa dell’Akragas le aquile giocano discretamente andando vicine al gol in qualche circostanza. Clamorosa la doppia chance da rete capitata sui piedi di Giovinco ad un quarto d’ora dal termine. Il fratello dell’ex Juve spreca un’occasione veramente ghiotta e che avrebbe potuto regalare ai giallorossi la prima vittoria in trasferta della stagione. Il vero dato negativo è che l’US su sette partite è la sesta volta che non va in rete.

Mister Somma rinuncia ad una punta di peso, decidendo di rinforzare il centrocampo. 3-4-1-2 è il modulo deciso dal tecnico con Grandi in porta; Di Bari, Prestia e Patti in difesa; Pasqualoni e Sabato esterni con Roselli e Carcione all’esordio in campionato dopo l’infortunio subito con il Roccella a centrocampo; Baccolo dietro a Cunzi e Giovinco coppia d’attacco.

La prima conclusione è di Longo per i padroni di casa che gira di parecchio alto un cross dalla sinistra. Partita abbastanza noiosa nelle fasi di gioco iniziali con le due compagini che si studiano. Non riesce a colpire bene Patti di testa su punizione di Carcione un minuto dopo e Pane agguanta la sfera. Al 10’ Roselli va vicino al gol del vantaggio delle aquile con la palla che esce di poco. Tiro di Zanini al 14’ fuori misura dalla distanza. Calcio piazzato di Carcione al 20’ a lato alla sinistra di Pane. Ancora il regista giallorossa ci prova con un destro da molto lontano facile preda di Pane. Termina un primo tempo non trascendentale da parte di entrambe le squadre dopo un minuto di recupero. Molti errori tecnici e 0-0 giusto.

Somma che inserisce Esposito per Pasqualoni ad inizio ripresa. Pericolosa punizione di Patti al 48’ di poco alta. Insidiosa conclusione di Longo al 55’ e Grandi blocca in due tempi. Colpo di testa innocuo alto di Baccolo. Al 60’ il tecnico delle aquile opera il secondo cambio mettendo in campo Sarao per Cunzi. Un minuto dopo il neo entrato non viene visto da Giovinco liberissimo davanti la porta. Il fantasista si incaponisce e si fa chiudere in angolo. Altissima la punizione di Carcione al 63’. Bel tiro di Salandria al 71’ che sfiora la traversa da fuori area. Al 76’ Giovinco sbaglia l’impossibile due volte. Prima tira addosso a Pane, poi sulla respinta a porta vuota calcia sull’esterno della rete. Al terzo minuto di recupero il direttore di gara fischia la fine.

Più due punti persi che un punto guadagnato e questa è una riflessione che importante perché il Catanzaro – seppur non entusiasmando – è sembrato sicuramente superiore all’Akragas un po’ appagata dal successo nel derby a Catania. Domenica prossima al “Ceravolo” con il Taranto bisognerà tornare al successo.

Ferdinando Capicotto

 

Related posts

Campionato 2015/16, US regolarmente iscritto

admin

SI GIOCA CONTRO… La Viterbese

admin

Coppa Italia, Akragas-Catanzaro rinviata al 18

admin